SEZIONE 121

Preghiera e profezie scritte da Joseph Smith, il Profeta, mentre era prigioniero nel carcere di Liberty, Missouri, datata 20 marzo 1839 (History of the Church, 3:289–300). Il Profeta e numerosi compagni erano in prigionia da mesi. Le loro petizioni e i loro appelli rivolti ai funzionari dello stato e alle autorità giudiziarie non erano riuscite a portare loro soccorso.

1–6: il Profeta supplica il Signore per i santi sofferenti; 7–10: il Signore gli sussurra pace; 11–17: maledetti coloro che sollevano false grida di trasgressione contro il popolo del Signore; 18–25: non avranno diritto al sacerdozio e saranno dannati; 26–32: gloriose rivelazioni sono promesse a coloro che perseverano coraggiosamente; 33–40: perché molti sono chiamati e pochi sono scelti; 41–46: il sacerdozio dovrebbe essere usato soltanto in rettitudine.

  O dio, dove sei? E dov'è il padiglione che copre il tuo anascondiglio?

  Per aquanto tempo fermerai la tua mano, e i tuoi occhi, sì, i tuoi occhi puri, guarderanno dai cieli eterni i torti contro il tuo popolo e contro i tuoi servitori, e i tuoi orecchi saranno penetrati dalle loro grida?

  Sì, o Signore, per aquanto tempo subiranno questi torti e queste illegittime oppressioni prima che il tuo cuore si intenerisca verso di loro e le tue viscere siano mosse a compassione verso di loro?

  O Signore Dio aOnnipotente, creatore del cielo, della terra, e dei mari, e di tutte le cose che in essi stanno, e che controlli e assoggetti il diavolo e l'oscuro e ottenebrato dominio di Sheol: stendi la tua mano, penetra con i tuoi occhi, solleva il tuo padiglione, non tenere più bcoperto il tuo nascondiglio, che il tuo orecchio si inclini, e muovi le tue viscere a compassione verso di noi.

  Che la tua ira si accenda contro i nostri nemici; e nel furore del tuo cuore, con la tua spada avendicaci dei torti subiti.

  Ricorda i tuoi santi sofferenti, o nostro Dio, e i tuoi servitori gioiranno nel tuo nome per sempre.

  Figlio mio, pace alla tua anima; le tue aavversità e le tue afflizioni non saranno che un breve momento.

  E allora, se le asopporterai bene, Dio ti esalterà in eccelso; tu trionferai su tutti i tuoi oppositori.

  I tuoi aamici ti stanno accanto e ti saluteranno di nuovo con cuore caloroso e mani amichevoli.

 10  Non sei ancora come aGiobbe; i tuoi amici non ti contrastano, né ti accusano di trasgressione, come fecero con Giobbe.

 11  E coloro che ti accusano di trasgressione, la loro speranza sarà inaridita, e le loro aspettative si scioglieranno come si scioglie la abrina dinanzi ai raggi ardenti del sole che sorge;

 12  E inoltre, Dio ha messo la sua mano e il suo sigillo per mutare i atempi e le stagioni, e per accecare la loro mente, affinché non comprendano le sue opere meravigliose, per poterli mettere alla prova e coglierli nella loro stessa astuzia;

 13  Anche perché il loro cuore è corrotto, e le cose che sono disposti ad arrecare agli altri e che amano che gli altri debbano soffrire, cadano su aloro stessi fino all'estremo;

 14  Affinché siano anche delusi e le loro speranze siano recise;

 15  E affinché, non molti anni da ora, essi e la loro posterità siano spazzati via da sotto il cielo, dice Iddio, cosicché nessuno di loro sarà lasciato scampare.

 16  Maledetti tutti coloro che alzeranno il calcagno contro i miei aunti, dice il Signore, e che gridano che hanno bpeccato, quando non hanno peccato dinanzi a me, dice il Signore, ma hanno fatto ciò che era opportuno ai miei occhi, e che avevo comandato loro.

 17  Ma coloro che gridano alla trasgressione lo fanno perché sono servi del peccato, e sono essi stessi afigli della disobbedienza.

 18  E coloro che giurano falsamente contro i miei servitori, per poterli condurre in schiavitù e alla morte,

 19  Guai a loro; poiché hanno aoffeso i miei piccoli, saranno esclusi dalle bordinanze della mia casa.

 20  La loro acesta non sarà piena, la loro casa e il loro granaio periranno, ed essi stessi saranno disprezzati da coloro che li adulavano.

 21  Non avranno diritto al asacerdozio, né la loro posterità dopo di loro di generazione in generazione.

 22  Sarebbe stato ameglio per loro che una macina fosse stata loro appesa al collo e fossero annegati nelle profondità del mare.

 23  Guai a tutti coloro che angustiano il mio popolo, e scacciano, e ammazzano, e portano testimonianza contro di esso, dice il Signore degli Eserciti; una agenerazione di vipere non sfuggirà alla dannazione dell'inferno.

 24  Ecco, i miei occhi avedono e conoscono tutte le loro opere, e ho in serbo un rapido bgiudizio per tutti loro, nella loro stagione;

 25  Poiché v'è un atempo stabilito per ognuno, secondo come saranno le sue bopere.

 26  Dio ti darà aconoscenza mediante il suo bSanto Spirito, sì, mediante il cdono ineffabile dello Spirito Santo, tale che non è stata rivelata da quando fu il mondo fino ad ora;

 27  Che i nostri progenitori hanno atteso con ansiosa aspettativa che fosse rivelata negli ultimi tempi, alla quale la loro mente era indirizzata dagli angeli, come tenuta in serbo per la pienezza della loro gloria;

 28  Un tempo a venire, nel quale anulla sarà celato; se vi sia un solo Dio o vi siano molti bdei, saranno manifesti.

 29  Tutti i troni e i domini, i principati e i poteri saranno arivelati ed esposti a tutti coloro che hanno perseverato coraggiosamente per il Vangelo di Gesù Cristo.

 30  E ancora, se vi siano dei alimiti posti ai cieli o ai mari, o alla terraferma, o al sole, alla luna o alle stelle.

 31  Tutti i tempi delle loro rivoluzioni, tutti i giorni, i mesi e gli anni fissati, e tutti i giorni dei loro giorni, mesi e anni, e tutta la loro gloria, le loro leggi e i loro tempi stabiliti, saranno rivelati nei giorni della adispensazione della pienezza dei tempi,

 32  Secondo ciò che fu ordinato da quelli che stavano nel aConcilio dell'Eterno bDio di tutti gli altri dei prima che questo mondo esistesse, che doveva essere riservato per il completamento e la fine di questo, quando ognuno entrerà alla sua eterna cpresenza e nel suo immortale driposo.

 33  Per quanto tempo le acque correnti possono rimanere impure? Quale potere fermerà i cieli? Altrettanto potrebbe un uomo stendere il suo esile braccio per arrestare il Fiume Missouri nel suo corso decretato, o farne risalire la corrente, quanto impedire l'Onnipotente di riversare dal cielo la aconoscenza sul capo dei Santi degli Ultimi Giorni.

 34  Ecco, vi sono molti achiamati, ma pochi sono bscelti: E perché non sono scelti?

 35  Perché il loro cuore è rivolto così tanto verso le cose di questo amondo, e aspira agli bonori degli uomini, che non apprendono questa unica lezione:

 36  Che i adiritti del sacerdozio sono inseparabilmente connessi con i bpoteri del cielo, e che i poteri del cielo non possono essere controllati né adoperati se non in base ai principi della crettitudine.

 37  Che essi possano essere conferiti su di noi, è vero; ma quando cominciamo a acoprire i nostri bpeccati, o a gratificare il nostro corgoglio, la nostra vana ambizione, o a esercitare controllo, o dominio, o coercizione sull'anima dei figlioli degli uomini con un qualsiasi grado di ingiustizia, ecco, i cieli si dritirano, lo Spirito del Signore è afflitto; e quando si è ritirato, amen al sacerdozio, ossia all'autorità di quell'uomo.

 38  Ecco, prima che se ne renda conto, è lasciato a se stesso, a arecalcitrare contro i pungoli, a bperseguitare i santi e a combattere contro Dio.

 39  Abbiamo imparato per triste esperienza che è nella anatura e nella disposizione di quasi tutti gli uomini, non appena ottengono un po' di autorità, com'essi suppongono, di cominciare subito a esercitare un dominio ingiusto.

 40  Per cui molti sono chiamati, ma pochi sono scelti.

 41  Nessun potere, o influenza, può o dovrebbe essere mantenuto in virtù del sacerdozio, se non per apersuasione, per blonganimità, per gentilezza e mitezza, e con amore non finto;

 42  Con benevolenza e conoscenza pura, che allargheranno grandemente l'anima senza aipocrisia e senza bfrode;

 43  aRimproverando prontamente con severità, quando sospinti dallo Spirito Santo; e mostrando in seguito un sovrappiù di bamore verso colui che hai rimproverato, per timore che ti consideri un suo nemico;

 44  Affinché sappia che la tua fedeltà è più forte delle corde della morte.

 45  Che le tue viscere siano inoltre piene di carità verso tutti gli uomini e per la famiglia dei credenti, e la avirtù adorni i tuoi bpensieri senza posa; allora la tua fiducia si rafforzerà alla presenza di Dio; e la dottrina del sacerdozio si distillerà sulla tua anima come una crugiada del cielo.

 46  Lo aSpirito Santo sarà tuo compagno costante, e il tuo scettro, uno scettro immutabile di rettitudine e di verità; e il tuo bdominio sarà un dominio perpetuo, e senza mezzi coercitivi fluirà verso di te per sempre e in eterno.