SEZIONE 29

Rivelazione data tramite Joseph Smith, il Profeta, in presenza di sei anziani, a Fayette, New York nel settembre del 1830 (History of the Church, 1:111–115). Questa rivelazione fu data alcuni giorni prima della conferenza che ebbe inizio il 26 settembre 1830.

1–8: Cristo raduna i Suoi eletti; 9–1: la Sua venuta introdurrà il Millennio; 12–13: i Dodici giudicheranno tutta Israele; 14–21: segni, epidemie e desolazioni precederanno la Seconda Venuta; 22–28: l'ultima risurrezione e il giudizio finale seguiranno il Millennio; 29–35: per il Signore tutte le cose sono spirituali; 36–39: il diavolo e le sue schiere furono scacciati dal cielo perché tentassero l'uomo; 40–45: la Caduta e l'Espiazione portano la salvezza; 46–50: i bambini sono redenti tramite l'Espiazione.

  Ascoltate la voce di Gesù Cristo, il vostro Redentore, il Grande aIO SONO, il cui braccio bmisericordioso ha cespiato per i vostri peccati;

  Che aradunerà il Suo popolo proprio come una chioccia raccoglie i suoi pulcini sotto le sue ali, sì, tutti coloro che daranno ascolto alla mia voce e si bumilieranno dinanzi a me e mi invocheranno in possente preghiera.

  Ecco, in verità, in verità vi dico che in questo momento i vostri peccati vi sono aperdonati, perciò voi ricevete queste cose; ma ricordate di non peccare più, per timore che vi assalgano dei pericoli.

  In verità, io vi dico che siete scelti fuori dal mondo per proclamare il mio Vangelo con tono gioioso, come con avoce di tromba.

  Rincuoratevi e siate contenti, poiché io sono in amezzo a voi, e sono il vostro bavvocato presso il Padre; ed egli è ben disposto a darvi il cregno.

  E, come è scritto, tutto ciò che achiederete con bfede, essendo cuniti nella preghiera secondo il mio comando, voi lo riceverete.

  E siete chiamati a realizzare il araduno dei miei beletti; poiché i miei eletti codono la mia voce e non induriscono il loro dcuore;

  Pertanto è uscito dal Padre il decreto che essi siano ariuniti in un sol luogo sulla faccia di questo paese, per bpreparare il loro cuore ed essere pronti in ogni cosa per il giorno in cui la ctribolazione e la desolazione saranno mandate sui malvagi.

  Poiché l'ora è prossima e il giorno è presto alla porta, in cui la terra sarà matura; e tutti gli aorgogliosi e coloro che agiscono malvagiamente saranno come bstoppia; e io li cbrucerò, dice il Signore degli Eserciti, affinché sulla terra non vi sia malvagità;

 10  Poiché l'ora è prossima, e ciò che fu adetto dai miei apostoli deve adempiersi; poiché, come essi dissero, così avverrà;

 11  Poiché io mi rivelerò dal cielo con potere e grande gloria, con tutti le sue aschiere, e dimorerò con gli uomini in bgiustizia sulla terra per cmille anni, e i malvagi non resisteranno.

 12  E di nuovo in verità, in verità vi dico, ed è uscito in fermo decreto per volontà del Padre, che i miei aapostoli, i Dodici che erano con me nel mio ministero a Gerusalemme, stiano alla mia destra nel giorno della mia venuta in una colonna di bfuoco, rivestiti con vesti di giustizia, con una corona sul capo, in cgloria proprio come sono io, per dgiudicare l'intera casa d'Israele, sì, tutti coloro che mi hanno amato e hanno rispettato i miei comandamenti, e nessun altro.

 13  Poiché una atromba suonerà, lunga e squillante, proprio come sul Monte Sinai, e tutta la terra tremerà; ed essi busciranno — sì, i cmorti che morirono in me, per ricevere una dcorona di giustizia e per essere rivestiti, eproprio come sono io, per essere con me, affinché possiamo essere uno.

 14  Ma ecco, io vi dico che prima che venga quel grande agiorno, il bsole sarà oscurato e la luna sarà mutata in sangue e le stelle cadranno dal cielo, e vi saranno dei csegni più grandi su nel cielo e giù nella terra;

 15  E vi saranno pianti e alamenti fra le schiere degli uomini;

 16  E vi sarà una forte agrandinata, mandata per distruggere i raccolti della terra.

 17  E avverrà, a causa della malvagità del mondo, che io mi avendicherò dei bmalvagi, poiché non vogliono pentirsi; poiché la coppa della mia indignazione è colma; poiché ecco, il mio csangue non li purificherà se non mi ascoltano.

 18  Pertanto io, il Signore Iddio, manderò delle mosche sulla faccia della terra, che aggrediranno i suoi abitanti e ne mangeranno la carne e produrranno su di loro delle ulcere;

 19  E la loro lingua sarà trattenuta affinché non aparlino contro di me; e la carne si staccherà dalle loro ossa e gli occhi cadranno dalle loro orbite;

 20  E avverrà che le abestie della foresta e gli uccelli dell'aria li divoreranno.

 21  E la grande e aabominevole chiesa, che è la bprostituta di tutta la terra, sarà abbattuta mediante un fuoco cdivorante, così come è stato detto per bocca di Ezechiele il profeta, che parlò di queste cose, che non sono avvenute ma che ddevono certamente avvenire, come io vivo, poiché le abominazioni non regneranno.

 22  E ancora, in verità, in verità vi dico che quando i amille anni saranno finiti e gli uomini cominceranno di nuovo a rinnegare il loro Dio, allora io non risparmierò la terra che per una bbreve stagione;

 23  E verrà la afine; e i cieli e la terra saranno consumati e bpasseranno, e vi saranno un nuovo cielo e una cnuova terra.

 24  Poiché tutte le cose antiche apasseranno e tutte le cose diverranno nuove, anche il cielo e la terra e tutta la loro pienezza, sia gli uomini che le bestie, gli uccelli dell'aria e i pesci del mare;

 25  E non sarà perduto un solo acapello, né una pagliuzza, poiché sono l'opera delle mie mani.

 26  Ma ecco, in verità io vi dico: Prima che la terra passi aMichele, il mio barcangelo, suonerà la sua ctromba, e allora tutti i morti si dsveglieranno, poiché le loro tombe saranno aperte ed essi everranno fuori — sì, proprio tutti.

 27  E i agiusti saranno raccolti alla mia bdestra per la vita eterna; e i malvagi, alla mia sinistra, mi vergognerò di riconoscerli dinanzi al Padre;

 28  Pertanto dirò loro: aAllontanatevi da me, voi maledetti, nel bfuoco eterno, preparato per il cdiavolo e i suoi angeli.

 29  Ed ora, ecco, io vi dico che mai in nessun momento ho proclamato dalla mia propria bocca che essi ritorneranno, poiché adove sono io essi non possono venire, poiché non hanno potere.

 30  Ma ricordate che non tutti i miei giudizi sono dati agli uomini; e come le parole sono uscite dalla mia bocca, così saranno adempiute, cosicché i aprimi saranno gli ultimi e gli ultimi saranno i primi, in tutte quante le cose che ho creato mediante la parola del mio potere, che è il potere del mio Spirito.

 31  Poiché le acreai mediante il potere del mio Spirito; sì, tutte le cose, sia bspirituali che temporali —

 32  Dapprima aspirituali e in seguito temporali, il che è il principio della mia opera; e di nuovo, dapprima temporali e in seguito spirituali, il che è la fine della mia opera —

 33  E vi parlo in modo che possiate comprendere naturalmente; ma per me le mie opere non hanno afine, né principio; ma vi è dato in modo che possiate comprendere, poiché me lo avete chiesto e siete concordi.

 34  Pertanto, in verità vi dico che tutte le cose per me sono spirituali, e in nessuna occasione vi ho dato una legge che fosse temporale; né ad alcun uomo, né ai figlioli degli uomini; né ad Adamo, vostro padre, che io creai.

 35  Ecco, gli accordai di poter ascegliere da se stesso, e gli diedi un comandamento, ma non gli diedi nessun comandamento temporale, poiché i miei bcomandamenti sono spirituali: essi non sono naturali né temporali, né carnali né sensuali.

 36  E avvenne che Adamo, essendo tentato dal adiavolo — poiché ecco, il diavolo esisteva prima di Adamo, poiché si bribellò contro di me, dicendo: Dammi il tuo conore, che è il mio dpotere; e distolse a me anche una eterza parte delle fschiere del cielo a causa del loro glibero arbitrio;

 37  Ed essi furono fatti precipitare e divennero così il adiavolo e i suoi bangeli;

 38  Ed ecco, vi è un luogo preparato per loro fin dal principio, luogo che è al'inferno.

 39  Ed è necessario che il diavolo atenti i figlioli degli uomini, altrimenti non potrebbero scegliere da se stessi; poiché, se non avessero mai bl'amaro, non potrebbero conoscere il dolce —

 40  Avvenne pertanto che il diavolo tentò Adamo, ed egli prese del afrutto proibito e trasgredì il comandamento, per cui divenne bsoggetto alla volontà del diavolo, perché cedette alla tentazione.

 41  Pertanto io, il Signore Iddio, feci sì che fosse acacciato dal Giardino di bEden, dalla mia presenza, a causa della sua trasgressione, per la quale egli divenne cspiritualmente morto, il che è la prima morte, sì, quella stessa morte che è l'ultima dmorte, che è spirituale, che sarà pronunciata sui malvagi quando io dirò: Allontanatevi voi, emaledetti.

 42  Ma ecco, vi dico che io, il Signore Iddio, accordai ad Adamo ed alla sua posterità che non amorissero quanto alla morte fisica fino a che io, il Signore Iddio, non mandassi loro degli bangeli a proclamare loro il cpentimento e la dredenzione tramite la fede nel nome del mio Figlio eUnigenito.

 43  E così io, il Signore Iddio, assegnai all'uomo i giorni della sua aprova: affinché mediante la morte naturale sia bresuscitato in cimmortalità alla vita deterna, sì, tutti quelli che vorranno credere;

 44  E coloro che non credono, alla adannazione eterna; poiché essi non possono essere redenti dalla loro caduta spirituale, perché non si pentono;

 45  Poiché amano le tenebre piuttosto che la luce, e le loro aazioni sono malvage, e ricevono il bsalario da colui a cui scelgono di obbedire.

 46  Ma ecco, io vi dico che i abambini sono bredenti fin dalla fondazione del mondo tramite il mio Unigenito;

 47  Pertanto non possono peccare, poiché a Satana non è dato il potere di atentare i bambini fino a che non comincino ad essere bresponsabili dinanzi a me;

 48  Poiché a loro è dato come io voglio, secondo il mio beneplacito, affinché grandi cose possano essere chieste dalla mano dei loro apadri.

 49  E di nuovo io vi dico, a chi, che abbia conoscenza, non ho io comandato di pentirsi?

 50  E verso colui che non ha aintelletto, sta a me di agire secondo quanto è scritto. Ed ora non vi dichiaro nient'altro in questa occasione. Amen.