SEZIONE 78

Rivelazione data tramite Joseph Smith, il Profeta, alla Chiesa, ad Hiram, Ohio, nel marzo 1832 (History of the Church, 1:255–257). L'Ordine fu dato a Joseph Smith dal Signore, allo scopo di istituire un magazzino per i poveri. Non era sempre desiderabile che l'identità delle persone alle quali il Signore si rivolgeva nelle rivelazioni fosse conosciuta dal mondo; quindi, nella pubblicazione di questa e di alcune rivelazioni successive, ci si riferì ai fratelli con nomi diversi dai loro. Quando non fu più necessario tenere incogniti i nomi delle persone, i veri nomi furono da allora in poi dati fra parentesi. Poiché oggi non esiste alcuna vitale necessità di mantenere i nomi in codice, soltanto i veri nomi vengono ora qui usati, come contenuti nei manoscritti originali.

1–4: i santi devono organizzare ed istituire un magazzino; 5–12: un uso saggio dei loro beni condurrà alla salvezza: 13–14: la Chiesa dovrà essere indipendente dai poteri terreni; 15–16: Michele (Adamo) serve sotto la direzione del Santo (Cristo); 17–22: beati i fedeli, perché erediteranno tutte le cose.

  Il Signore parlò a Joseph Smith jun. dicendo: Datemi ascolto, dice il Signore vostro Dio, voi che siete ordinati al asommo sacerdozio della mia chiesa, che vi siete riuniti assieme;

  E ascoltate il aconsiglio di colui che vi ha bordinati dall'alto, che dirà al vostro orecchio parole di saggezza, affinché abbiate la salvezza in ciò che avete presentato dinanzi a me, dice il Signore Dio.

  Poiché in verità io vi dico: il tempo è giunto ed è ora alla porta; ed ecco, sì, è necessario che ci sia una aorganizzazione del mio popolo, nel regolare e stabilire gli affari del bmagazzino per i cpoveri del mio popolo, sia in questo luogo che nella terra di dSion

  Come istituzione ed ordine permanenti e perenni per la mia chiesa, per promuovere la causa che avete sposato, per la salvezza dell'uomo e per la gloria del vostro Padre che è nei cieli;

  Affinché siate auguali nei legami delle cose celesti, sì, ed anche delle cose terrene, per ottenere quelle celesti.

  Poiché, se non siete uguali nelle cose terrene, non potete essere uguali nell'ottenere quelle celesti.

  Poiché, se volete che vi dia un posto nel mondo aceleste, dovete bprepararvi, cfacendo le cose che vi ho comandato e che vi ho richiesto.

  Ed ora, in verità così dice il Signore: È opportuno che ogni cosa sia fatta per la mia agloria, da voi che siete uniti assieme in questo bordine;

  Ossia, in altre parole, che il mio servitore Newel K. Whitney ed il mio servitore Joseph Smith jun. ed il mio servitore Sidney Rigdon siedano in consiglio con i santi che sono a Sion;

 10  Altrimenti aSatana cercherà di distogliere il loro cuore dalla verità, cosicché siano acciecati e non comprendano le cose che sono preparate per loro.

 11  Pertanto, vi do il comandamento di prepararvi e di organizzarvi mediante un legame od una eterna aalleanza che non può essere infranta.

 12  E colui che la infrange perderà il suo ufficio e la sua posizione nella chiesa, e sarà abbandonato ai atormenti di Satana fino al giorno della redenzione.

 13  Ecco, questa è la preparazione con cui vi preparo, ed il fondamento e l'esempio che io vi do, mediante i quali potrete adempiere ai comandamenti che vi ho dato.

 14  Affinché tramite la mia provvidenza, nonostante la atribolazione che scenderà su di voi, la chiesa possa stare indipendente al di sopra di tutte le altre creature sotto il mondo celeste.

 15  Affinché arriviate a otteniate la acorona preparata per voi e siate fatti bgovernatori sopra molti regni, dice il Signore Iddio, il Santo di Sion, che ha stabilito le fondamenta di cAdam-ondi-Ahman;

 16  Che ha nominato aMichele vostro principe, e ha reso saldi i suoi piedi, e lo ha posto in alto, e gli ha dato le chiavi della salvezza sotto la guida e la direzione del Santo, che è senza inizio di giorni o fine di vita.

 17  In verità, in verità vi dico: voi siete dei fanciulli e non avete ancora compreso quali grandi benedizioni il Padre ha nelle sue mani e ha preparato per voi;

 18  E non potete asopportare ogni cosa adesso; nondimeno, siate di buon animo poiché io vi bcondurrò innanzi. Il regno è vostro e le sue benedizioni sono vostre, e le ricchezze cdell'eternità sono vostre.

 19  E colui che riceve ogni cosa con agratitudine sarà reso glorioso; e le cose di questa terra gli saranno aggiunte, sì, bcentuplicate, e più ancora.

 20  Pertanto, fate le cose che vi ho comandato, dice il vostro Redentore, sì, il Figlio aAhman, che preparerà ogni cosa prima di bprendervi.

 21  Poiché voi siete la achiesa del Primogenito, ed Egli vi bprenderà su una nube, e assegnerà ad ognuno la sua porzione.

 22  E colui che è un aintendente fedele e bsaggio erediterà ctutte le cose. Amen.