SEZIONE 82

Rivelazione data tramite Joseph Smith, il Profeta, nella contea di Jackson, Missouri, il 26 aprile 1832 (History of the Church, 1:267–269). L'occasione fu un consiglio generale della Chiesa nel quale il Profeta Joseph Smith fu sostenuto come presidente del Sommo Sacerdozio, ufficio al quale era stato precedentemente ordinato in una conferenza di sommi sacerdoti, anziani e membri ad Amherst, Ohio, il 25 gennaio 1832 (vedere l'intestazione della sezione 75). In passato sono stati usati nomi insoliti nella pubblicazione di questa rivelazione, per nascondere l'identità delle persone nominate (vedere l'intestazione della sezione 78).

1–4: dove molto è dato, molto è richiesto; 5–7: nel mondo regna l'oscurità; 8–13: il Signore è vincolato quando facciamo ciò che Egli dice; 14–18: Sion deve crescere in bellezza e santità; 19–24: ognuno dovrebbe mirare all'utile del prossimo.

  In verità, in verità io vi dico, miei servitori, che fin quanto vi aperdonate l'un l'altro i vostri torti, così io, il Signore, vi perdono.

  Nondimeno, ci sono alcuni fra voi che hanno peccato grandemente; sì, voi atutti avete peccato; ma in verità vi dico: badate d'ora in avanti e astenetevi dal peccare, per timore che gravi giudizi cadano sul vostro capo.

  Poiché a colui a cui amolto è dato, molto è brichiesto; e chi cpecca contro una maggiore dluce, riceverà una maggiore condanna.

  Voi invocate il mio nome per ricevere arivelazioni, e io ve le concedo; e se non rispettate i miei detti, che io vi do, diventate trasgressori; e bgiustizia e giudizio sono le penalità che sono connesse alla mia legge.

  Perciò, ciò che io dico ad uno lo dico a tutti: aVigilate, poiché bl'avversario estende i suoi domini e cl'oscurità regna;

  E l'ira di Dio s'infiamma contro gli abitanti della terra; e nessuno fa il bene, poiché si sono tutti asviati.

  Ed ora, in verità vi dico: Io, il Signore, non vi imputerò alcun apeccato; andate e non peccate più; ma all'anima che pecca, dice il Signore vostro Dio, torneranno anche i peccati di bprima.

  E ancora vi dico: vi do un anuovo comandamento, affinché comprendiate la mia volontà a vostro riguardo;

  Ossia, in altre parole, vi do delle indicazioni su come aagire dinanzi a me, affinché vi torni per vostra salvezza.

 10  Io, il Signore, sono avincolato quando fate ciò che dico; ma quando non fate ciò che dico non avete alcuna promessa.

 11  Perciò, in verità vi dico che è opportuno che voi, miei servitori Edward Partridge e Newel K. Whitney, A. Sidney Gilbert e Sidney Rigdon, ed il mio servitore Joseph Smith, e John Whitmer e Oliver Cowdery, e W. W. Phelps e Martin Harris vi leghiate aassieme con un vincolo ed una alleanza che non possono venire infranti mediante trasgressione, senza che ne segua immediatamente un castigo, nelle vostre varie intendenze,

 12  Per gestire gli affari dei poveri, e tutte le cose che riguardano il vescovato, sia nella terra di Sion che nella terra di Kirtland;

 13  Poiché ho consacrato la terra di Kirtland, a mio tempo debito, per il beneficio dei santi dell'Altissimo, e come un apalo per Sion.

 14  Poiché Sion deve crescere in bellezza e in santità; i suoi confini devono essere ampliati; i suoi pali devono essere rafforzati; sì, in verità vi dico: aSion deve alzarsi e mettersi le sue bsplendide vesti.

 15  Vi do dunque questo comandamento: che vi leghiate mediante questa alleanza, e ciò sia fatto secondo le leggi del Signore.

 16  Ecco, qui sta anche la mia saggezza, per il vostro bene.

 17  E voi dovete essere auguali, ossia, in altre parole, dovete avere uguali diritti sulle proprietà, per il beneficio della gestione dei proventi delle vostre intendenze, ciascuno secondo le sue esigenze e le sue necessità, fin quanto le sue esigenze sono giuste —

 18  E tutto ciò a beneficio della chiesa del Dio vivente, affinché ognuno accresca il suo atalento, affinché ognuno guadagni altri talenti, sì, anche il centuplo, per essere messi nel bmagazzino del Signore, per diventare proprietà comune dell'intera chiesa

 19  E ognuno dovrebbe mirare all'utile del prossimo, e fare ogni cosa con al'occhio rivolto unicamente alla gloria di Dio.

 20  Questo aordine io ho stabilito che sia un ordine perpetuo per voi, e per i vostri successori, fin tanto che non peccate.

 21  E l'anima che pecca contro questa alleanza, e indurisce il cuore contro di essa, sia trattata secondo le leggi della chiesa, e sia abbandonata ai atormenti di Satana fino al giorno della redenzione.

 22  Ed ora, in verità vi dico, e ciò è saggezza: diventate amici delle ricchezze ingiuste, ed esse non vi distruggeranno.

 23  Lasciate stare il giudizio, lasciatelo a me, poiché mio, ed io aripagherò. La pace sia con voi; le mie benedizioni restino su di voi.

 24  Poiché già ora il aregno è vostro, e lo sarà per sempre, se non venite meno alla vostra perseveranza. Così sia. Amen.