SEZIONE 91

Rivelazione data tramite Joseph Smith, il Profeta, a Kirtland, Ohio, il 9 marzo 1833 (History of the Church, 1:331–332). A quel tempo il Profeta era impegnato nella traduzione dell'Antico Testamento. Essendo arrivato a quella parte degli antichi scritti chiamati Apocrifi, egli chiese al Signore e ricevette queste istruzioni.

1–3: gli Apocrifi sono per la maggior parte tradotti correttamente, ma contengono molte interpolazioni per mano degli uomini che non sono vere; 4–6: sono di beneficio a coloro che sono illuminati dallo Spirito.

  In verità, così ti dice il Signore riguardo agli aApocrifi: vi sono molte cose ivi contenute che sono vere, e per la maggior parte sono tradotti correttamente;

  Vi sono molte cose ivi contenute che non sono vere, che sono interpolazioni per mano degli uomini.

  In verità ti dico che non è necessario che gli Apocrifi siano tradotti.

  Perciò, chiunque li legge usi aintendimento, poiché lo Spirito manifesta la verità;

  E chiunque è illuminato dallo aSpirito ne trarrà beneficio;

  E chi non riceve dallo Spirito non può trarne beneficio. Perciò non è necessario che essi vengano tradotti. Amen.