Dottrina e Alleanze

SEZIONE 77

Rivelazione data tramite Joseph Smith, il Profeta, alla Chiesa, ad Hiram, Ohio, nel marzo 1832 (History of the Church, 1:253–255). Il Profeta scrisse: «In relazione alla traduzione delle Scritture ricevetti la seguente spiegazione dell'Apocalisse di San Giovanni». (History of the Church, 1:253).

1–4: le bestie hanno uno spirito e dimoreranno in eterna felicità su una terra immortale; 5–7: questa terra ha una esistenza materiale di 7.000 anni; 8–10: vari angeli restaurano il Vangelo e svolgono il loro ministero sulla terra; 11: il suggellamento dei 144.000; 12–14: Cristo verrà all'inizio del settimo millennio; 15: due profeti saranno suscitati per la nazione giudaica.

  D. cos'è il amare di vetro di cui parla Giovanni nel 4° capitolo e 6° versetto dell'Apocalisse? R. È la bterra, nel suo stato santificato, immortale ed ceterno.

  D. Cosa dobbiamo intendere in merito alle quattro creature viventi delle quali si parla nello stesso versetto? R. Sono espressioni afigurative, usate da Giovanni il Rivelatore, nel descrivere il bcielo, il cparadiso di Dio, la dfelicità dell'uomo, e delle bestie, e degli esseri che strisciano, e degli uccelli dell'aria; poiché ciò che è spirituale è a somiglianza di ciò che è materiale; e ciò che è materiale, a somiglianza di ciò che è spirituale; lo espirito dell'uomo, a somiglianza della sua persona, come pure lo spirito delle fbestie e di ogni altra creatura che Dio ha creato.

  D. Le quattro bestie si limitano ad essere bestie singole, o rappresentano delle classi o degli ordini? R. Si limitano ad essere quattro bestie singole, che furono mostrate a Giovanni per rappresentare la gloria delle classi degli esseri nel loro ordine assegnato, ossia nella loro asfera di creazione, che godono la loro eterna bfelicità.

 

  D. Cosa dobbiamo intendere in merito ai ventiquattro aanziani di cui parla Giovanni? R. Dobbiamo intendere che questi anziani, che Giovanni vide, erano anziani che erano stati bfedeli nell'opera del ministero ed erano morti; i quali appartenevano alle csette chiese ed erano allora nel paradiso di Dio.

  D. Cosa dobbiamo intendere in merito al libro che vide Giovanni, che era asigillato sul retro con sette sigilli? R. Dobbiamo intendere che esso contiene la volontà rivelata di Dio, i suoi bmisteri e le sue opere; le cose celate della Sua economia riguardo a questa cterra durante i settemila anni della sua durata, ossia della sua esistenza materiale.

  D. Cosa dobbiamo intendere in merito ai sette suggelli con i quali era sigillato? R. Dobbiamo intendere che il primo suggello contiene le cose dei aprimi mille anni, il secondo pure, le cose dei secondi mille anni, e così via fino al settimo.

  D. Cosa dobbiamo intendere in merito ai quattro angeli di cui si parla nel 7° capitolo e 1° versetto dell'Apocalisse? R. Dobbiamo intendere che sono quattro angeli mandati da Dio, ai quali è data potestà sulle quattro parti della terra, di preservare la vita o di distruggerla; questi sono coloro che hanno il Vangelo aeterno da trasmettere ad ogni nazione, stirpe, lingua e popolo; poiché hanno il potere tu serrare i cieli, di suggellare alla vita, o di gettare giù nelle bregioni delle tenebre.

  D. Cosa dobbiamo intendere in merito all'angelo che saliva da levante, Apocalisse 7° capitolo, 2° versetto? R. Dobbiamo intendere che l'angelo che sale da levante è colui al quale è dato il suggello del Dio vivente sulle dodici tribù ad'Israele; pertanto, egli grida ai quattro angeli che hanno il Vangelo eterno, dicendo: non danneggiate la terra, né il mare, né gli alberi, finché non avremo suggellato i servitori del nostro Dio sulla bfronte. E se volete accettarlo, questo è cElias, che doveva venire per radunare le tribù d'Israele e per drestaurare tutte le cose.

  10  D. Qual è il tempo in cui dovranno compiersi tutte le cose di cui si parla in questo capitolo? R. Dovranno compiersi nel asesto millennio, ossia all'apertura del sesto suggello.

  11  D. Cosa dobbiamo intendere in merito al suggellamento dei acentoquarantaquattromila da tutte le tribù d'Israele, dodicimila da ogni tribù? R. Dobbiamo intendere che coloro che sono suggellati sono bsommi sacerdoti, ordinati al santo ordine di Dio, per amministrare il Vangelo eterno; poiché sono coloro che sono ordinati da ogni nazione, stirpe, lingua e popolo, dagli angeli a cui è data potestà sulle nazioni della terra, per portare tutti coloro che vorranno venire alla chiesa del cPrimogenito.

  12  D. Cosa dobbiamo intendere in merito al suonare di atrombe menzionato nell'8° capitolo dell'Apocalisse? R. Dobbiamo intendere che, come Dio creò il mondo in sei giorni e nel settimo giorno terminò la sua opera e la bsantificò, e formò anche l'uomo dalla cpolvere della terra, così, all'inizio del settimo millennio il Signore Dio dsantificherà la terra, e completerà la salvezza dell'uomo, e egiudicherà ogni cosa, e friscatterà ogni cosa, eccetto ciò che non ha messo in suo potere, quando avrà suggellato ogni cosa, in vista della fine di tutte le cose; e il suonare di trombe dei sette angeli è la preparazione e il termine della sua opera, all'inizio del settimo millennio: il preparare la via prima del tempo della sua venuta.

  13  D. Quando dovranno compiersi le cose che sono scritte nel 9° capitolo dell'Apocalisse? R. Dovranno compiersi dopo l'apertura del settimo suggello, prima della venuta di Cristo.

  14  D. Cosa dobbiamo intendere in merito al libretto che fu adivorato da Giovanni, come menzionato nel 10° capitolo dell'Apocalisse? R. Dobbiamo intendere che si trattava di una missione e di una ordinanza per lui, per bradunare le tribù d'Israele; ecco, questo è Elias, che, come è scritto, deve venire a crestaurare tutte le cose.

  15  D. Cosa si deve intendere in merito ai due atestimoni, nell'undicesimo capitolo dell'Apocalisse? R. Sono due profeti che dovranno essere suscitati alla nazione bgiudaica negli cultimi giorni, al tempo della drestaurazione, e dovranno profetizzare ai Giudei dopo che essi si saranno radunati ed avranno costruito la città di Gerusalemme nella eterra dei loro padri.