Dottrina e Alleanze

SEZIONE 89

Rivelazione data tramite Joseph Smith, il Profeta, a Kirtland, Ohio, il 27 febbraio 1833 (History of the Church, 1:327–329). Come conseguenza dell'uso di tabacco da parte di molti dei primi fratelli durante le riunioni, il Profeta fu indotto a meditare sulla questione; di conseguenza egli chiese al Signore a questo riguardo. Questa rivelazione, nota come Parola di Saggezza, ne fu il risultato. I primi tre versetti furono originariamente scritti dal Profeta come una ispirata introduzione e descrizione.

1–9: l'uso di vino, bevande forti, tabacco e bevande calde è proibito; 10–17: erbe, frutta, carne e cereali sono destinati all'uso dell'uomo e degli animali; 18–21: l'obbedienza alla legge del Vangelo, compresa la Parola di Saggezza, porta benedizioni materiali e spirituali.

  Una aParola di Saggezza, per il beneficio del consiglio dei sommi sacerdoti riuniti a Kirtland e della chiesa, e anche dei santi a Sion:

  Da mandare come saluto; non per comandamento od obbligo, ma per rivelazione e parola di saggezza, che mostra l'ordine e la avolontà di Dio in merito alla salvezza materiale di tutti i santi negli ultimi giorni;

  Data come principio con una apromessa, adattata alla capacità dei deboli e dei più deboli di tutti i bsanti, che sono o possono essere chiamati santi.

  Ecco, in verità così dice il Signore: in conseguenza dei amali e degli intenti che esistono ed esisteranno nel cuore dei bcospiratori negli ultimi giorni, vi ho cavvertito, e vi preavverto, dandovi questa parola di saggezza mediante rivelazione:

  Che, se qualcuno di voi beve avino o bevande forti, ecco, ciò non è bene né appropriato agli occhi del Padre vostro, salvo quando vi riunite assieme per offrire i vostri sacramenti dinanzi a lui.

  Ed ecco, dovrebbe essere vino, sì, vino apuro dell'uva della vite, fatto da voi stessi.

  E di nuovo, le bevande aforti non sono per il ventre, ma per lavare il corpo.

  E ancora, il tabacco non è per il acorpo né per il ventre, e non è buono per l'uomo, ma è un'erba per le contusioni e per tutto il bestiame ammalato, da usarsi con giudizio e abilità.

  E ancora, le bevande calde non sono per il corpo, ossia per il ventre.

 10  E ancora, in verità vi dico: tutte le aerbe salutari Dio le ha destinate alla composizione, alla struttura, e all'uso dell'uomo;

 11  Ogni erba nella sua stagione, ed ogni frutto nella sua stagione, tutti da usarsi con intelligenza e agratitudine.

 12  Sì, anche la acarne delle bbestie e degli uccelli dell'aria, io, il Signore, l'ho destinata all'uso dell'uomo, con gratitudine; nondimeno deve essere usata con cparsimonia;

 13  E mi è gradevole che non sia usata, se non in periodi d'inverno, o di freddo, o di carestia.

 14  Tutti i acereali sono destinati all'uso dell'uomo e degli animali, per esserne il sostegno della vita; non solo per l'uomo, ma anche per le bestie dei campi e gli uccelli del cielo, e per tutti gli animali selvatici che corrono o che strisciano sulla terra.

 15  E questi Dio li ha fatti per l'uso dell'uomo soltanto in tempi di carestia e di fame estrema.

 16  Ogni cereale è buono come cibo per l'uomo, come pure il frutto della vite; tutto ciò che produce frutto, sia nella terra che sopra la terra.

 17  Nondimeno, il frumento è per l'uomo, il granturco per il bue, l'avena per il cavallo, la segale per gli uccelli, e per il maiale, e per tutte le bestie dei campi; l'orzo per tutti gli animali utili, e per bevande leggere, come pure gli altri cereali.

 18  E tutti i santi che si ricordano di rispettare e di mettere in pratica queste parole, camminando in obbedienza ai comandamenti, riceveranno asalute nell'ombelico e midollo nelle ossa.

 19  E troveranno asaggezza e grandi tesori di conoscenza, sì, dei tesori nascosti;

 20  E acorreranno e non si stancheranno, e cammineranno e non si affaticheranno.

 21  E io, il Signore, faccio loro una apromessa: che l'angelo distruttore bpasserà loro accanto, come ai figlioli d'Israele, e non li ucciderà. Amen.