Salta navigazione principale

Citazioni sull’Istituto

Presidente Thomas S. Monson

“Se siete studenti universitari non sposati, vi chiedo di rendere la vostra partecipazione all’Istituto una priorità. Anche gli studenti sposati e gli altri giovani adulti sono i benvenuti e sono incoraggiati a frequentare. Pensateci. Vi farete degli amici, sentirete lo Spirito e rafforzerete la vostra fede. Vi prometto che se frequenterete l’Istituto e studierete le Scritture diligentemente, il vostro potere di evitare le tentazioni e di ricevere la guida dello Spirito Santo in tutto ciò che farete aumenterà. Il favore divino si riverserà su coloro che lo cercano con umiltà. Questa è una promessa che vi faccio” (Thomas S. Monson, 21 aprile 2009).

“Voi giovani adulti dovreste partecipare a un corso di Istituto di religione. Se state frequentando una scuola della Chiesa, includete regolarmente una classe di religione ogni semestre. Durante questo periodo di preparazione per la missione, per il matrimonio eterno e per la vostra vita da adulti, dovete continuare a cercare opportunità di imparare, crescere e ricevere ispirazione e guida tramite lo Spirito Santo. Uno studio del Vangelo attento e devoto tramite il Seminario, l’Istituto o le classi di religione può aiutarvi a raggiungere questo obiettivo.

Sia che frequentiate una scuola della Chiesa oppure no, che andiate all’università oppure no, non pensate di essere troppo occupati per studiare il Vangelo. Il Seminario, l’Istituto o le classi di religione daranno equilibrio alla vostra vita ed espanderanno la vostra istruzione secolare dandovi un’altra opportunità di studiare le Scritture e gli insegnamenti dei profeti e degli apostoli. Ci sono quattro nuovi straordinari corsi che vorrei incoraggiare ogni giovane adulto a esplorare e a frequentare.

Non dimenticate, inoltre, che le classi e le attività offerte al vostro istituto locale o tramite il vostro rione o il vostro palo di giovani adulti non sposati sono un posto dove potete stare con altri ragazzi e ragazze, aiutarvi e ispirarvi l’un l’altro, mentre apprendete e crescete spiritualmente e al tempo stesso socializzate. […] Se metterete giù il vostro cellulare e vi guarderete attorno per un momento, potreste perfino trovare la vostra futura compagna all’Istituto” (M. Russell Ballard, “La più grande generazione di giovani adulti”, Liahona, maggio 2015, 69).

“Conosco il potere che si riceve seguendo il programma del Seminario e dell’Istituto. È una cosa che ha arricchito la mia vita; farà lo stesso per voi. Alzerà attorno a voi una barriera che vi proteggerà e vi renderà immuni alle tentazioni e alle prove del mondo. È importante possedere una conoscenza del Vangelo, ed io so che non v’è [luogo migliore in cui i giovani della Chiesa possano ottenere una conoscenza speciale delle cose sacre dei programmi dell’Istituto e del Seminario della Chiesa]” (L. Tom Perry, “Accettiamo la verità”, La Stella, gennaio 1998, 73).

“Invitiamo caldamente tutti coloro per i quali [l’Istituto] è stato istituito a trarne pieno vantaggio. Non esitiamo a promettere che la vostra conoscenza del Vangelo sarà accresciuta, che la vostra fede sarà rafforzata e che stringerete meravigliosi rapporti di collaborazione e di amicizia” (Gordon B. Hinckley, “Il miracolo reso possibile dalla fede”, La Stella, ottobre 1984, 103–104).

“Studenti, se i vostri valori sono disposti nella giusta priorità, non esiterete a rinunciare a un corso facoltativo che al massimo può dare lustro alla vostra vita, favorendo invece un’istruzione che può rinsaldare le fondamenta stesse della vostra vita. Poi, una volta iscritti, frequentate le lezioni, studiate e imparate. Persuadete i vostri amici a fare altrettanto. Vi prometto che non avrete mai motivo di dolervene” (vedi Boyd K. Packer, “Libero arbitrio e controllo”, La Stella, ottobre 1983, 123).