• Home
  • LDS.org
  • Ciò che la Chiesa insegna riguardo alla preghiera

Ciò che la Chiesa insegna riguardo alla preghiera


David A Bednar, “Chiedete con fede”, Conferenza generale di aprile 2008

Una preghiera significativa richiede una comunicazione santa e un lavoro consacrato.

Richard G. Scott, “Come usare il dono divino della preghiera”, Conferenza generale di aprile 2007

La preghiera è un dono divino del nostro Padre Celeste a ogni anima.

Thomas S. Monson, “Venite a Lui in preghiera e fede”, Liahona, marzo 2009

Un impiegato dell’ufficio risorse umane, incaricato di occuparsi di insignificanti lagnanze alla fine di un giorno insolitamente movimentato, mise sulla sua scrivania un cartello che voleva essere scherzoso, indirizzato a chi aveva problemi irrisolti, su cui era scritto: “Hai provato a pregare?” Ciò di cui quell’uomo non si era probabilmente reso conto era che quel semplice consiglio avrebbe risolto più problemi, alleviato più sofferenze, prevenuto più trasgressioni e infuso maggiore pace e contentezza nell’animo umano di quanto avrebbe potuto fare qualsiasi altra cosa.

James E. Faust, “La fune di sicurezza della preghiera”, Liahona, luglio 2002

Ognuno di noi ha problemi che non può risolvere e debolezze che non riesce a superare senza avvicinarsi tramite la preghiera ad una più alta sorgente di forza.

Russell M. Nelson, “Lezioni tratte dalle preghiere del Signore”, Conferenza generale di aprile 2009

Le nostre preghiere seguono modelli e insegnamenti del Signore Gesù Cristo. Egli ci ha insegnato come pregare.

Joseph B. Wirthlin, “Come migliorare le nostre preghiere”, Liahona, agosto 2004

Pensate che il tempo che trascorrete in preghiera arricchisca e edifichi la vostra anima? C’è spazio per un miglioramento?

Cheryl Esplin, “La nostra famiglia sarà forte”, Liahona, luglio 2009

Con tutti i membri della vostra famiglia potete aiutarvi l’un l’altro a essere forti se pregate insieme.

Elaine S. Dalton, “Egli vi conosce per nome”, Liahona, maggio 2005

Forse non avrete sentito il Signore chiamarvi per nome, ma Egli conosce ciascuna di voi e sa il vostro nome.

Russell M. Nelson, “L’ora dolce del pregar”, Conferenza generale di aprile 2003

Dobbiamo pregare in accordo con la volontà del nostro Padre Celeste. Egli vuole metterci alla prova, rafforzarci e aiutarci a raggiungere il nostro pieno potenziale.