Società di Soccorso


Tutte le donne adulte della Chiesa fanno parte della Società di Soccorso. Il profeta Joseph Smith organizzò la Società di Soccorso il 17 marzo 1842. Egli insegnò che la Società di Soccorso era stata organizzata per “soccorrere i poveri, gli afflitti, le vedove e gli orfani e compiere azioni caritatevoli”. Inoltre, egli insegnò che il compito della Società di Soccorso “non è solo quello di soccorrere i poveri, ma anche di salvare le anime”. La maggior parte del lavoro della Società di Soccorso oggi consiste nel “provvedere al benessere spirituale e alla salvezza… di tutte le donne che fanno parte della Chiesa”. La Società di Soccorso era “sorta divinamente, autorizzata divinamente, costituita divinamente, stabilita divinamente da Dio”. Essa opera sotto la direzione dei dirigenti del Sacerdozio. (Vedi il Manuale 2, 9.1.2).

Ulteriori informazioni

Lo scopo della Società di Soccorso è contribuire a preparare le figlie di Dio a ricevere le benedizioni della vita eterna, aiutandole ad accrescere la fede e la rettitudine personale, a rafforzare la famiglia e ad aiutare le persone che sono nel bisogno. Le donne adempiono questo obiettivo quando ricercano e ricevono la rivelazione personale nella propria vita e agiscono in base ad essa. La Società di Soccorso adempie gli scopi tramite l’istruzione evangelica domenicale, le altre riunioni della Società di Soccorso, l’insegnamento in visita, il programma di benessere e il servizio di carità. (Vedi il Manuale 2, capitolo 9).

Durante la prima riunione della Società di Soccorso, la sorella Emma Smith disse: “Faremo qualcosa di straordinario”. La Società di Soccorso è piena di esempi di donne straordinarie che hanno compiuto cose straordinarie mentre esercitano la fede nel Padre Celeste e in Gesù Cristo. (Vedi Figlie nel mio regno, pagina xi).

Quando le donne partecipano nella Società di Soccorso, rendono servizio quali valorose discepole di Gesù Cristo nell’opera di salvezza. Esse lavorano insieme agli uomini che detengono il Sacerdozio. Tramite la Società di Soccorso le donne si esercitano ad essere seguaci di Cristo. Le donne si sforzano d’imparare ciò che il Signore vorrebbe che imparassero, di fare ciò che Egli vorrebbe che facessero e di diventare ciò che Egli vorrebbe che diventassero. (Vedi Figlie nel mio regno, pagina 7).

Durante una delle prime riunioni della Società di Soccorso femminile di Nauvoo, Joseph Smith ammonì le sorelle di “viv[ere] all’altezza dei [propri] privilegi”. Alle sorelle della Chiesa è stato insegnato di vivere all’altezza del proprio potenziale divino adempiendo ai propositi che Dio ha per loro. Quando arrivano a comprendere chi sono veramente— figlie di Dio—esse raggiungono il loro potenziale di donne sante. Stabilita come parte integrante della Restaurazione del vangelo di Gesù Cristo, la Società di Soccorso aiuta le donne della Chiesa a vivere all’altezza dei propri privilegi. Tramite questa organizzazione, le sorelle ricevono la visione e l’assicurazione della propria identità come figlie di Dio. Ricevono anche occasioni di servizio e la guida e l’autorità necessarie per adempiere a queste responsabilità. (Vedi Figlie nel mio regno, pagina 175).

Visualizza altro

Riferimenti scritturali

Dottrina e Alleanze 25:1
 
Mosia 4:26
 
Alma 56:47-48
 
Romani 16:1-2
 
1 Corinzi 13:8
 

Visualizza altro

Insegnamenti dei profeti