Video della settimana


Vita

Uno dei tre vincitori del concorso video internazionale della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni

Categoria professionale

All’inizio quando decisi di partecipare al [concorso video internazionale della Chiesa], scrissi un copione per raccontare una storia su mio padre, che è deceduto, il quale m’insegnò l’importanza dell’insegnamento familiare. Lo pubblicai sul mio blog, ma ero molto più preso di quello che pensassi e non ebbi il tempo di effettuare le riprese che avevo programmato. Con meno di una settimana alla scadenza, iniziai a confrontare varie idee su video che potevo girare in pochissimo tempo. 

Pensavo molto a fare più esperienze missionarie e a trovare delle occasioni per diffondere in qualche maniera il Vangelo. Pensai che partecipare al concorso se non altro mi avrebbe aiutato a usare i talenti per condividere il Vangelo con almeno una persona. Trascorsi molto tempo a pregare su quello che potevo e dovevo fare. Il sabato prima della scadenza passai diverse ore a scrutare le Scritture e a scrivere un copione per un video su una parola. Le ore di lavoro mi parvero non portare frutti.

Mi era venuto in mente di tutto e non sentivo di essere più vicino all’obiettivo. Dopo aver smesso per un po’ di pensare, giunse l’ispirazione. Interruppi quello che stavo facendo e presi nota delle idee che mi erano venute in mente, le quali erano molto migliori di tutte le altre su cui avevo lavorato tutto il pomeriggio. Per il resto del lavoro di animazione del video occorse ancora molto tempo, ma una volta fissata l’ispirazione su carta, sentii che la parte più difficile era passata. 

 

 

So che il Padre Celeste risponde alle preghiere e che s’interessa ai desideri del nostro cuore. Non solo mi fece venire in mente le idee per le quali avevo pregato, ma mi diede anche la possibilità di condividerle. Una volta inviato il video, lo pubblicai anche in Facebook. Amici mi dissero di condividerlo con parenti e altri amici. Alcuni santi e anche non membri della Chiesa commentarono sulla forza del messaggio.

Mentre lavoravo al video, volevo che fosse uno strumento missionario, che le persone potessero condividere nei siti mediatici sociali come introduzione su qual è lo scopo della vita. Fui assai grato di vedere che le persone lo usarono in questa maniera. Ho imparato che i siti mediatici sociali possono essere un ottimo modo per “rompere il ghiaccio” e condividere il Vangelo in modo non aggressivo, che funziona con alcune persone curiose. Spero che porti le persone a porre più domande e a cercare le risposte nel posto giusto.

Il concorso fu divertente e mi spronò a fare una cosa che probabilmente non avrei altrimenti trovato il tempo di fare.

—Bryce Gandy