New Experience
    Menu Giovani

    Quattro modi per essere una luce — Senza bisogno di un distributore automatico!

    J. Ryan Jensen Riviste della Chiesa

    Non serve un distributore automatico per essere una luce per chi ti circonda.

    Lo scorso dicembre, la Piazza del Tempio era affollata di visitatori. Non era una cosa insolita. Dopo tutto, ogni anno milioni di persone visitano la Piazza del Tempio di Salt Lake City, nello Utah (USA). Erano lì per le luci, i canti di Natale, i presepi che rievocavano la nascita del Salvatore allestiti su tutto il terreno circostante e per i distributori automatici.

    Proprio così. Hai letto bene. Distributori automatici.

    Ma questi non erano riforniti delle solite cose, bensì di salviette per bambini, kit di pronto soccorso, acqua, cibo, occhiali da sole e persino polli e capre per le persone bisognose in tutto il mondo. Le persone sono rimaste in fila per ore per comprare qualcosa, ma non per loro stessi.

    L’“acquisto” di questi articoli era in realtà una donazione a varie organizzazioni a scopo benefico che forniscono aiuto a coloro che ne hanno bisogno. In meno di un mese, grazie a questi distributori automatici è stato raccolto più di mezzo milione di dollari in donazioni.

    La generosità dei visitatori della Piazza del Tempio è stata di grande aiuto. Ma non serve visitare la Piazza del Tempio o attendere la comparsa di un distributore automatico per poter aiutare chi è nel bisogno. Ci sono molte cose che puoi fare per essere una luce nel mondo, nella comunità, in famiglia o nella fede, per le quali non è necessario spendere un centesimo.

    Che cosa puoi fare? Dai un’occhiata a queste idee:

    4 luoghi in cui puoi essere una luce

    In casa

    Mamma o papà tendono ad avere sempre un’altra faccenda da farti sbrigare in casa proprio quando ne hai meno voglia. E se li sorprendessi svolgendone una senza che te lo abbiano chiesto e senza aspettarti una ricompensa in cambio? Prepara un pasto per la tua famiglia. Fai il bucato. Pulisci il bagno. Aiuta un fratello o una sorella a fare i compiti. Ci sono sempre opportunità di servire in casa.

    Al di là della porta di casa

    Ci sono vicini di tutti i tipi: anziani o giovani, gentili o scorbutici. Alcuni potrebbero non parlare la tua lingua. Altri non condividere le tue convinzioni. Anche il Salvatore ha servito persone scontrose che non condividevano ciò in cui credeva! Egli ha sfamato coloro che erano affamati, quindi potresti servire in un rifugio o in una mensa. Egli ha pianto con i familiari di persone ammalate, quindi potresti fare volontariato presso un ospedale. Egli ha invitato i piccoli fanciulli a venire a Lui, quindi potresti aiutare con un servizio di doposcuola.

    In tutto il mondo

    L’organizzazione umanitaria della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni si chiama LDS Charities e patrocina progetti di soccorso e di sviluppo in 189 paesi. L’anno scorso ha collaborato con più di 40 organizzazioni associate. Vai sul sito ldscharities.org per scoprire diversi progetti sponsorizzati dalla Chiesa e come fare donazioni o sostenere in altro modo questi sforzi.

    Dall’altra parte del velo

    Servi coloro che si trovano dall’altra parte del velo dedicandoti alla storia familiare, andando al tempio e preservando il loro ricordo parlando con coloro che hanno conosciuto i membri della famiglia che sono ora defunti. Puoi cominciare andando su FamilySearch.org o scaricando le applicazioni Ricordi e Albero familiare di FamilySearch.

    Che cosa hai fatto per essere una luce? Invia le tue storie e fotografie all’indirizzo newera@ldschurch.org e potremmo condividerle con altri giovani che sono alla ricerca di ottime idee.

    Errore sull’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

     
    1000 caratteri rimanenti

    Condividi la tua esperienza