New Experience
    Menu Giovani

    Cinque esempi di pazienza (cominciando dal formaggio grigliato)

    David A. Edwards Church Magazines

    Lo vuoi adesso o lo vuoi fatto bene?

    Immaginate un ragazzo che provi a prepararsi da solo, per la prima volta, un sandwich al formaggio grigliato: prepara tutti gli ingredienti, prende la padella e la mette sul fuoco, poi pensa: “Se metto il fuoco al massimo, sarà pronto prima”.

    Immaginate che cosa accade dopo.

    Molto probabilmente avrà del pane che sembra (anche al gusto) un pezzo di carbone con del formaggio fuso a metà.

    Un sandwich bruciato al formaggio grigliato

     

    Il suo problema, come potete vedere, è una combinazione di ignoranza (che è scusabile) e di impazienza (che, benché comprensibile, è meno scusabile).

    Per farlo bene, dovrebbe scoprire il miracolo del fuoco lento.

    Il fuoco lento di una cucina è perfetto per grigliare il formaggio e per molti altri piatti, perché permette al cibo di cuocersi completamente senza bruciare l’esterno. L’unico punto negativo è che richiede più tempo e attenzione, cioè pazienza.

    Gesù Cristo è il più grande esempio di pazienza. Seguire il Suo esempio vuol dire anche ampliare la nostra prospettiva, guardare al di là delle cose del momento e cercare una maggiore ricompensa grazie alla pazienza.

    Spingersi innanzi

    “Confidare nel Signore significa piantare il seme della fede e nutrirlo ‘con grande diligenza e con pazienza’ [Alma 32:41]. […]

    Confidare nel Signore vuol dire ‘[rimanere] fermi’ [Alma 45:17] e ‘[spingersi] innanzi’ nella fede, ‘avendo un perfetto fulgore di speranza’ [2 Nefi 31:20]”.

    – Anziano Robert D. Hales, membro del Quorum dei Dodici Apostoli, conferenza generale di ottobre 2011.

    Come ci ha insegnato il presidente Dieter F. Uchtdorf, secondo consigliere della Prima Presidenza, la pazienza è molto di più del semplice aspettare:

    “Pazienza significa attendere e perseverare attivamente. Significa persistere in una cosa e fare tutto quello che si può: lavorare, sperare e avere fede, sopportando le difficoltà con determinazione, anche quando i desideri del nostro cuore devono aspettare. Pazienza non è solo sopportare, ma è sopportare bene!” (“Continuate con pazienza”, conferenza generale di aprile 2010). (Che cosa hanno a che fare i marshmallow con la pazienza? Scoprilo!)

    A che cosa assomiglia questo tipo di pazienza? Ecco cinque esempi:

    1. Non è sufficiente mettere il sandwich al formaggio in padella e dimenticarsene; bisogna restare a controllarlo e girarlo al momento giusto.
    2. Non è sufficiente andare a scuola, al Seminario o in chiesa; bisogna imparare o rendere il culto attivamente.
    3. Non è sufficiente aspettare che ci venga data una testimonianza del Libro di Mormon perché l’abbiamo richiesta; bisogna continuare a leggere, studiare, riflettere, pregare e vivere secondo i precetti di quel libro.
    4. Non è sufficiente restare seduti mentre gli amici prendono in giro la nostra religione; bisogna pregare per loro, desiderare veramente che subiscano un cambiamento di cuore e fare il possibile perché ciò avvenga.
    5. Non è sufficiente aspettare di avere sedici anni per uscire in coppia; bisogna imparare ad amare l’obbedienza e cercare di comprendere in che modo sarete benedetti se seguirete i consigli dei profeti.

    Il miracolo del fuoco lento può darvi dei sandwich al formaggio perfettamente grigliati, ma la pazienza compie “appieno l’opera” (Giacomo 1:4) in voi, aiutandovi ad avanzare per diventare più simili a Gesù Cristo.

    Se siete colpevoli di lasciarvi prendere troppo spesso dall’impazienza, non siete soli. Potete pentirvi e cercare nuovamente di seguire l’esempio e gli insegnamenti di Gesù Cristo. C’è in gioco più che un sandwich al formaggio grigliato e non è mai troppo tardi per imparare che è possibile raggiungere la perfezione grazie alla pazienza.

    Tratto dall’articolo “Il miracolo del fuoco lento” nei numeri di ottobre 2016 delle riviste Liahona.

    Condividi la tua esperienza

    Come hai imparato ad esercitare la vera pazienza? Condividi la tua esperienza qui sotto.

    Errore sull’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

     
    1000 caratteri rimanenti

    Condividi la tua esperienza