New Experience
    Menu Giovani

    In realtà, posso!

    Jess P., 17 anni, Utah, USA

    Quando le persone mi incontrano per la prima volta, non si rendono conto che posso fare un sacco di cose se uso la creatività e se mi applico.

    “In realtà, posso” è il mio motto personale. Quando le persone mi incontrano per la prima volta, non si rendono conto che posso fare un sacco di cose se uso la creatività e se mi applico.

    Quando avevo otto anni, mi è stata diagnosticata l’artrite idiopatica giovanile. Pensavo di dover rinunciare a tutte le cose che amo fare — danza, softball, pallavolo — ma le cure mi permettevano di continuare a condurre una vita normale. Sono rimasta super attiva e ho continuato a fare le cose che amavo. Ho persino iniziato a suonare il rullante in una banda.

    Giovane donna

    Poi, al secondo anno di superiori, la mia artrite è peggiorata e io stavo davvero male. Non riuscivo più a tenere il mio rullante. E ho dovuto abbandonare la danza perché per me partecipare era diventato troppo difficile.

    Ho cercato di rimanere positiva, ma il mio rullante mi mancava tantissimo. Anche se volevo arrendermi, la mia famiglia mi ha incoraggiata a trovare la speranza. Abbiamo trovato il modo di attaccare il mio rullante alla sedia a rotelle e presto sono tornata a far parte della banda!

    Molte volte, quando siamo di fronte alle difficoltà, pensiamo automaticamente che non possiamo farcela. Ma la verità è che “in realtà, possiamo”.


    Giovani straordinari come Jess affrontano difficoltà ogni giorno. Ma lasciano che tali difficoltà li buttino giù? Nemmeno per sogno!

    Kuha’o è un pianista prodigio — e non ci vede!

    Errore sull’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

     
    1000 caratteri rimanenti

    Condividi la tua esperienza