New Experience
    Menu Giovani

    Trovare ed essere un amico vero

    Alcuni giovani di Oxford, in Inghilterra, esprimono i loro pensieri sulla vera amicizia.

    È importante avere dei buoni amici, dal migliore amico che si ha sin dall’infanzia, al nuovo studente che s’incontra al corso di matematica. E come viene detto in Per la forza della gioventù: “Tutti abbiamo bisogno di amici buoni e leali. Essi saranno per te una fonte di grande forza e benedizioni” ([2011], 16). Ma come si instaurano e si mantengono delle buone amicizie?

    Abbiamo chiesto ad alcuni giovani in Inghilterra che cosa significa per loro la vera amicizia. Leggi alcune delle loro storie sui veri amici e su come questi ultimi li hanno rafforzati. Potresti scoprire che anche i tuoi amici sono una grande forza per te.

    Ragazza con le braccia in aria

    Che cosa rende qualcuno un buon amico?

    Aaron M.: Penso che dovresti essere entusiasta di vedere i tuoi amici. Dovresti interessarti a loro e sapere che loro si interessano a te. Riesci a sentirti a tuo agio con loro. Quando sei con loro non senti di doverti comportare come qualcun altro.

    Leighton H.: Qualcuno che ti sostiene e ti conforta.

    Maddy H: Qualcuno di cui ti fidi.

    Rachel P.: Penso che un buon amico sia principalmente una persona che c’è sempre per te e che ti sostiene.

    Emma F.: La mia migliore amica c’è sempre stata per me e mi ha sempre teso una mano. Quando ho lasciato la scuola superiore per ricevere un’istruzione scolastica a casa, lei ha cominciato a mandarmi dei messaggi. Mi scriveva cose del tipo “Ehi, che fai di bello? Perché non passiamo un po’ di tempo insieme?”. A quel tempo non avevo molti amici e quindi siamo diventante migliori amiche. Lei sa sempre quando mi sento triste. Non so come, ma in qualche modo lo sa sempre.

    Che cosa distingue l’amicizia vera dalla popolarità?

    Seth H.: L’amicizia è personale, la popolarità è impersonale. Nella nostra scuola tendiamo a categorizzare le persone come “popolari”, basandoci sulle loro capacità sportive o magari, per i ragazzi, su quante ragazze hanno avuto. Ma penso che si possano avere tanti ottimi amici. Quindi, se sei simpatico, probabilmente sei anche popolare. Penso che le persone che rimangono popolari più a lungo sono i buoni amici.

    Emma B.: Penso che sia il modo in cui tratti gli altri, perché ho conosciuto molte persone popolari che erano molto maleducate, e non avevano un buon rapporto di amicizia con molte persone. Poi, però, ho conosciuto anche tante persone molto popolari che erano gentili con tutti. Penso che questa sia la grande differenza. Credo che dipenda solo dal tuo atteggiamento. Non puoi reputare le persone come inferiori a te, perché non lo sono.

    Isaac P.: Penso che se hai dei buoni amici, loro saranno tuoi amici a prescindere da quello che gli altri pensano di te. Questo è quello che fai quando sei amico di qualcuno.

    Grace S.: Gli amici si sostengono a vicenda e sono degni di fiducia.

    Gruppo di giovani

    In che modo i vostri amici vi sostengono?

    Hannah P.: Alcuni miei amici sono venuti agli spettacoli del mio coro, quando ne facevo parte.

    Andrew S.: I miei amici mi hanno aiutato tantissimo col calcio.

    Bella F.: Per una lezione sugli studi religiosi siamo andati a visitare una casa di riunione della Chiesa, e tutti i missionari erano lì. È stato divertente! Ho ritenuto anche che fosse un ottimo modo per scegliere quali sarebbero stati i miei buoni amici, perché ho potuto vedere chi era realmente rispettoso della religione altrui. Hanno detto cose come: “Oh, quindi non dici parolacce?” e aggiunto: “Perfetto, allora non diremo parolacce quando ci sei tu”, e cose del genere. Abbiamo parlato del fatto che non beviamo caffè e cose simili, e hanno replicato: “Beh, non dobbiamo andare per forza a bere il caffè”. Tutti sono stati semplicemente molto rispettosi.

    Emma B.: Parlando della mia religione, i miei amici sono stati molto aperti e dicevano cose come: “Sai una cosa, non credo necessariamente a ciò in cui credi tu, ma sono totalmente aperto a capire, in modo da sapere quello che tu sai e ciò in cui credi; così posso aiutarti a essere forte”.

    Calvin B.: Da quando mi sono trasferito, non ho fatto molte amicizie a scuola, perciò conosco solo persone della Chiesa. Quando siamo tutti insieme a un’attività della Chiesa, loro sono gentili con me.

    Emma F.: All’inizio, quando mi sono trasferita qui, non avevo tante amiche della Chiesa perché non c’erano molte giovani donne nel nostro rione. Alla fine ho stretto amicizia con una persona a un convegno di giovani della Chiesa, e questo ha avuto un grande impatto su di me e sulla mia partecipazione alle attività. Lei, poi, mi ha presentato i suoi amici, e alla fine ho instaurato amicizie nella Chiesa, che è una cosa vantaggiosa.

    Giovani uomini con un pallone da calcio

    In che modo potete instaurare rapporti di amicizia?

    William S.: Quando qualcuno ti saluta e poi ci parli, alla fine si diventa amici.

    James P.: Per me, stringendo amicizia grazie alle attività. Come quando sono andato in vacanza in America, ho partecipato al corso di calcio della Brigham Young University e non conoscevo nessuno. Poi, alla fine della prima giornata, tutti sapevano già il mio nome. Quindi basta semplicemente fare delle attività e andare a pranzo insieme oppure aiutarsi l’un l’altro.

    Seth H.: Interessi comuni — quando hai gli stessi interessi di qualcun altro. Fare delle cose concrete insieme è il modo in cui inizi delle amicizie.

    Un vero amico…

    Grace S.: Un vero amico è qualcuno che ti conosce.

    Andrew S.: Un vero amico è qualcuno su cui puoi sempre contare.

    James P.: Penso che i veri amici siano comprensivi.

    Leighton H.: Quando sei con loro puoi avere fiducia in te stesso.

    Calvin B.: Un vero amico ti sostiene.

    Giovane uomo e giovane donna

    Che cosa avete imparato dai veri amici?

    Aaron M.: Rimani fedele a te stesso. Non troverai dei veri amici se non sei te stesso. Se a loro non piacciono i tuoi standard, allora non sono veramente tuoi amici e non ti sostengono veramente.

    Isaac P.: Ascolta ciò che dicono. Se parlano, non ignorare ciò che dicono. Semplicemente concentrati su di loro e sostienili.

    Emma B.: Una cosa che fa un buon amico è invitarti a fare delle cose insieme. Anche solo chiederti come stai o anche farti delle piccole domande. Le piccole cose sono quelle che contano.

    James P.: Potresti anche essere un po’ più aperto, invitando le persone a entrare nel tuo gruppo e incontrando altri amici. Puoi comunque essere un buon amico.

    Condividi la tua esperienza

    Che cosa avete imparato dai veri amici? Condividi la tua esperienza qui sotto.

    Errore sull’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

     
    1000 caratteri rimanenti

    Condividi la tua esperienza