Salta navigazione principale
Menu Giovani

Come potete stare in luoghi santi?

Come faccio a “stare in luoghi santi” quando c’è così tanta malvagità intorno a me, come, per esempio, a scuola?

Per prepararci per i momenti difficili, il Signore ci comanda di “stare in luoghi santi” (DeA 45:32; vedere anche DeA 87:8). Per farlo, dobbiamo vivere in modo degno e avere con noi lo Spirito Santo. Lo Spirito ci aiuterà a superare la tentazione e le influenze negative. Ecco alcuni modi in cui possiamo invitare lo Spirito nella nostra vita.

  • Pregate. Iniziate la vostra giornata con la preghiera, e pregate in special modo durante il giorno, quando siete costretti a essere esposti a influenze inique a scuola o da qualche altra parte.
  • Frequentate il Seminario e studiate le Scritture ogni giorno. Studiare le dottrine insegnate nelle Scritture vi aiuterà a essere riempiti di luce e verità – e “la luce e la verità abbandonano quel maligno” (DeA 93:37).
  • Prendete il sacramento ogni settimana. Quando rinnovate in modo significativo l’alleanza di vivere il Vangelo, ricevete la promessa del Signore di avere con voi il Suo Spirito.
  • Mettete in pratica le norme contenute in Per la forza della gioventù. Tali norme vi aiuteranno a difendere la santità.
  • Rimanete vicini ai vostri genitori. Gli adolescenti che hanno buoni rapporti con i propri genitori sono spesso molto più forti in situazioni difficili.

Questi suggerimenti vi rafforzeranno spiritualmente. Vi aiuteranno quando vi troverete in situazioni inique che non potete evitare, come a scuola. Ma sarebbe meglio evitare tali situazioni ogni volta che ne avete la possibilità.

Mantenete un atteggiamento di riverenza

Ho imparato che puoi rendere santo il luogo in cui ti trovi, perché chi siamo è più importante di dove siamo. A scuola ci sono molte tentazioni, ma ciò che è veramente importante è avere un atteggiamento riverente nei confronti del Padre Celeste e impegnarsi a prendere su di sé il nome di Cristo. In questo modo, sarai in grado di rendere la scuola un luogo santo per te perché ricorderai il Padre Celeste e il nostro Salvatore. — Anziano Ojeda, 21 anni, Missione di Bogotá Nord, Colombia

“Noi scegliamo dove andremo. Dio ci ha dato il libero arbitrio. Egli non ce lo toglierà, e se io farò ciò che è sbagliato ed entrerò nel territorio del diavolo, lo faccio perché ho la volontà e il potere per farlo. Non posso incolpare nessun altro, e se decido di osservare i comandamenti di Dio e di vivere come dovrei restando dalla parte del Signore, lo faccio perché dovrei, e riceverò le mie benedizioni per questo. Non sarà il risultato di qualcosa che potrà fare qualcun altro”. — Presidente George Albert Smith (1870–1951), Insegnamenti dei presidenti della Chiesa – George Albert Smith (2011), 197.

Scegli i posti buoni, evita quelli cattivi

Io cerco di evitare le zone della mia scuola dove so che gli altri ragazzi di solito fanno cose sbagliate. Scelgo anche attentamente con chi sedermi in classe o a pranzo perché queste persone influenzano il mio modo di pensare e di agire. Ma, anche se stiamo molto attenti, a volte vediamo o sentiamo cose brutte. Quando mi capita, distolgo subito lo sguardo e canto silenziosamente un inno per cancellare il fatto dalla mia mente. Mi ha anche aiutata molto leggere le Scritture e parlare con amici che mi edificano. Non sempre possiamo scegliere ciò che ci circonda, ma possiamo decidere come reagire. — Eliza A., 14 anni, Utah, USA

Difendi la tua fede

Rendi santo quello che ti sta intorno. Circondati di amici che corrispondono alle indicazioni contenute in Per la forza della gioventù. Fai sapere agli altri che osservi alcune norme e chiedi loro di smettere di fare conversazioni inopportune o di non ascoltare musica non adatta quando ci sei anche tu. Non aver paura di difendere la tua fede. — Thomas S., 15 anni, Georgia, USA

Sii forte e coraggioso

Dobbiamo essere forti e coraggiosi. Dobbiamo scegliere il giusto. A volte è davvero difficile, ma se lo faremo, saremo felici. Quando la gente ci chiede di bere o fumare con loro, dobbiamo essere coraggiosi e dire di no. Possiamo spiegare loro che noi vogliamo scegliere il giusto, quindi non possiamo fare queste cose. — Anastasia N., 20 anni, Ivano-Frankivsk, Ucraina

Cerca lo Spirito

A scuola incontriamo persone che non condividono le norme che osserviamo. Però, avendo lo Spirito Santo che guida il nostro cammino, potremo fare la scelta giusta e dare loro un buon esempio. È importante “stare in luoghi santi”, sempre, per poter sentire l’amore del Padre Celeste. Un modo per farlo è cercare la compagnia dello Spirito Santo. Quando scegliamo di stare nella sfera dell’amore di Dio, nel nostro cuore avremo una gioia immensa, sapendo che il Padre Celeste è soddisfatto delle nostre azioni. — Genzen N., 18 anni, Zamboanga, Filippine

Mai scendere a compromessi

Qualche anno fa ero uno dei pochi membri della Chiesa della mia classe. Le persone pensavano che fossi strana perché ero scrupolosa nell’osservanza di tutte le norme della Chiesa. Così un giorno decisi che potevo accettare qualche compromesso. Quando lo feci, notai che attiravo ancora di più l’attenzione degli altri. Ma, dopo alcune settimane, mi sentii in colpa e mi rivolsi al Signore perché volevo pentirmi. Egli mi aiutò e, da parte mia, dovetti fare molti sacrifici, ma ne è valsa la pena! Ho davvero avuto modo di vedere le benedizioni del Vangelo a scuola. Ho perso amici e attenzione, ma ho guadagnato rispetto e felicità. — Sutton K., 15 anni, Texas, USA

Pensa al tempio

Il posto più sacro che esista al mondo è il tempio. Pensarci ti aiuterà a fare ciò che è giusto, a prescindere dalle circostanze in cui tu possa trovarti. Puoi anche esporre una foto del tempio dove puoi vederla; questo ti aiuterà a sentirti meglio e ad avere la forza di non dare ascolto alla cattiveria che esiste a scuola. — Angel T., 18 anni, Ecuador

Per ulteriori suggerimenti su come stare in luoghi santi, potresti rivedere i seguenti discorsi tratti dalla conferenza generale di aprile 2013: Dallin H. Oaks, “Seguaci di Cristo”, e Robert D. Hales, “Rimanete saldi in luoghi santi”.

Questo articolo è apparso originariamente sulla rivista Liahona dell'agosto 2013.

Le risposte sono volte a porgere aiuto e a offrire vari punti di vista, non sono dichiarazioni ufficiali sulla dottrina della Chiesa.

Errore nell’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

 
1000 caratteri rimanenti

Condividi la tua esperienza