New Experience
    Menu Giovani

    Ho avuto la mia risposta!

    Questi giovani hanno trovato delle risposte alle loro domande e puoi riuscirci anche tu!

    Probabilmente hai sentito dire che annotarsi alcune domande è un ottimo modo per prepararsi alla Conferenza generale. Quando lo fai, “le risposte alle [tue] preghiere specifiche possono venire direttamente grazie a un discorso o a una frase”, ha affermato l’anziano Dieter F. Uchtdorf del Quorum dei Dodici Apostoli. “A volte possono giungere con una parola, [una] frase o [un] inno che sembrano non aver niente a che fare [con ciò che avete chiesto]” (“La Conferenza generale: una benedizione straordinaria”, Liahona, settembre 2011, 4).

    Ebbene, questi giovani hanno fatto proprio questo e hanno avuto la benedizione di ricevere delle risposte alle loro domande!

    Perché alle brave persone accadono cose negative?

    Esther F.

    Nel suo discorso intitolato “Feriti”, l’anziano Neil L. Andersen ha affermato che tutti affrontano prove e difficoltà, le quali fanno parte delle lezioni che impariamo in questa esperienza terrena.

    Io ho una sorellina, Annelise, che ha una rarissima malattia muscolare e metabolica. Si stanca molto facilmente e quindi non può fare cose come andare in bici, correre o saltare su un tappeto elastico. Nonostante questo, Annelise è una bambina molto felice e sorride sempre! È una vera guerriera. Mi ha insegnato molto sulla pazienza e sulla perseveranza. So che lei è una figlia molto speciale del Padre Celeste e che Egli la ama, la protegge e la benedice molto.

    Dall’anziano Andersen ho imparato che nella battaglia della vita verremo feriti sia spiritualmente che fisicamente, quindi dobbiamo essere preparati. Il nostro Padre Celeste, tuttavia, ha un piano per ciascuno di noi. L’anziano Andersen ha detto che non c’è nessun dolore terreno che il cielo non possa guarire. Ho visto miracoli nella mia vita grazie alla fede, alla speranza e all’amore incrollabili della mia famiglia nei confronti del Vangelo e del nostro Salvatore. Anche la preghiera e il pentimento sono medicine potenti che ci aiuteranno durante questa battaglia. Così, come Annelise, possiamo continuare a sorridere!

    — Esther F., 18 anni, San Paolo, Brasile

    Come posso fare pace con un amico?

    Angel P.

    In occasione di questa conferenza ho pregato per conoscere meglio gli insegnamenti di Gesù Cristo. Mentre ascoltavo l’anziano Jeffrey R. Holland, ho sentito che le mie preghiere riguardo al fare pace con un mio amico erano state esaudite. Ho imparato che devo controllare la mia frustrazione e imparare a perdonare, perché siamo tutti figli di Dio e dobbiamo sforzarci di seguire la Sua via lasciandoci l’orgoglio alle spalle. Sono grato di avere dei profeti che ci aiutano a essere più vicini al nostro Padre Celeste e di sapere, grazie a loro, qual è il nome corretto della Chiesa. Sono emozionato di far visita alle pecorelle di Dio, di svolgere il ministero insieme al mio collega, mio padre, e di andare a trovare dei giovani uomini in modo che possano tornare sul sentiero di Dio.

    — Angel P, 16 anni, Lima, Perù

    Che cosa significa davvero ministrare?

    Agustina A.

    Voglio saperne di più sul ministero. Ne ho sentito parlare, ma ancora non lo capisco completamente. Come se fossero stati una risposta alle mie preghiere, ci sono stati diversi discorsi che hanno parlato di questo argomento; ad esempio, quello della sorella Bonnie Cordon, che ha detto che noi siamo pastori per alcune persone smarrite e bisognose delle nostre cure. Dovremmo servire le nostre pecorelle. Dovremmo vegliare su di loro. Dovremmo desiderare che tutto vada bene per loro. Che siano forti o deboli, afflitte o felici, dovremmo assicurarci che le nostre pecorelle non siano mai sole. Devo concentrarmi di più sul servire gli altri e sul ministrare alle persone che mi vengono assegnate.

    — Agustina A., 17 anni, Bogotá, Colombia

    Che cosa dovrei fare dopo la scuola superiore?

    Quest’anno ho cercato faticosamente di capire cosa voglio fare dopo il diploma, e non sapevo cosa dovevo fare. Con tutta questa confusione e questa ansia nella mia vita, mi sono ricordata che la Conferenza generale si stava avvicinando e che dovevo prepararmi. Sono andata al tempio una o due volte alla settimana, ho letto le Scritture e ho pregato per ricevere risposta alla mia domanda su cosa devo fare dopo le superiori. Mentre stavo guardando la prima sessione del sabato, mi sono sentita spinta a prendere il mio diario e ad annotare i miei pensieri e le mie impressioni. Nel suo discorso, il fratello M. Joseph Brough ha parlato di un’occasione in cui sia lui che sua figlia hanno sentito l’impressione che lei dovesse svolgere una missione, e lo Spirito mi ha toccato più di quanto fosse mai accaduto prima. Mi sono sentita sopraffatta da un sentimento di pace e conforto all’idea di svolgere una missione. Poiché mi ero preparata a ricevere rivelazione in occasione di questa conferenza, ho ricevuto la risposta a una domanda che mi stava provocando stress e ansia. Ora so che devo svolgere una missione e condividere la Luce di Cristo con il mondo. Vi esorto tutti a guardare la Conferenza generale avendo una domanda in mente; sarete stupiti dalle impressioni e dalle rivelazioni che riceverete.

    — Chloe Neus, 17 anni, Arizona, USA

    Solo perché la Conferenza generale è finita non vuol dire che in questo momento tu non possa trovare risposte alle tue domande. Scrivi alcune domande di cui vorresti sapere la risposta e comincia a studiare, con l’aiuto della preghiera, i messaggi della conferenza! Non avere fretta. Quando ci poniamo domande con fede e con il sincero desiderio di imparare (vedere Moroni 10:4), il Signore ci benedirà con il Suo Spirito e ci guiderà a trovare le risposte nel modo e nel momento giusti.

    Condividi la tua esperienza

    Quali risposte hai ricevuto dalla Conferenza generale?

    Errore sull’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

     
    1000 caratteri rimanenti

    Condividi la tua esperienza