Salta navigazione principale
Menu Giovani

Imparare dai profeti viventi

Neil L. Andersen Of the Quorum of the Twelve Apostles

La nostra attenzione ai consigli e insegnamenti di questi Fratelli potrebbe essere più attiva, inquisitiva e reattiva?

Naturalmente, noi amiamo il presidente Thomas S. Monson, i due consiglieri della Prima Presidenza e il Quorum dei Dodici Apostoli. Ma nel riconoscere il nostro affetto e la nostra lealtà, io vi chiedo: “La nostra attenzione ai consigli e insegnamenti di questi Fratelli potrebbe essere più attiva, inquisitiva e reattiva?

Quattro domande da porre

Pensate a come rispondeste alle seguenti domande:

  1. Sapreste dirmi i nomi dei tre componenti della Prima Presidenza, e ognuno dei nomi di coloro che appartengono al Quorum dei Dodici Apostoli? Essi sono i quindici uomini che voi e io sosteniamo come profeti, veggenti e rivelatori.
  2. Se dovessi mostrarvi una fotografia di questi Fratelli, sapreste riconoscere ognuno di loro? Raramente prestiamo attenzione a qualcuno che non conosciamo o riconosciamo.
  3. Sapreste dirmi quali sono stati i consigli dati dalla Prima Presidenza e dal Quorum dei Dodici durante l’ultima Conferenza generale? E sapreste indicarmi gli argomenti dei messaggi della Prima Presidenza, il presidente Monson, il presidente Eyring e il presidente Uchtdorf, della Liahona di quest’anno?
  4. E forse ancora più importante, sareste in grado di raccontarmi una recente decisione nella quale avete cambiato qualcosa di voi stessi grazie al consiglio ricevuto da qualcuno tra questi quindici uomini?

Il modello del Signore

Le ragioni per cui le risposte a queste domande sono così importanti hanno origine nella chiamata e nella responsabilità della Prima Presidenza e dei Dodici Apostoli. Ovunque sia stata stabilita la Chiesa del Signore, Egli ha chiamato profeti e apostoli. Il Salvatore disse: “Non siete voi che avete scelto me, ma son io che ho scelto voi, e v’ho costituiti” (Giovanni 15:16). A questi uomini quest’ordinazione conferisce un potere spirituale e una solenne responsabilità: il potere di conoscere e rendere testimonianza, e la responsabilità di insegnare e benedire. Inoltre, dà a noi una responsabilità e una promessa: abbiamo la responsabilità di ascoltare e obbedire, e abbiamo la promessa che riceveremo benedizioni quando crederemo e agiremo in base alle loro parole.

Abbiamo la responsabilità di ascoltare e obbedire, e abbiamo la promessa che riceveremo benedizioni quando crederemo e agiremo in base alle loro parole.

Quando il Signore chiamò i dodici discepoli nelle Americhe dopo la Sua resurrezione, insegnò al popolo: “Benedetti voi siete se darete ascolto alle parole di questi dodici che ho scelto fra voi, per istruirvi e per essere vostri servitori” (3 Nefi 12:1). Ai giorni nostri, in un periodo molto difficile, il Signore ha promesso ai santi: “Se il mio popolo darà ascolto alla mia voce, e alla voce dei miei servitori che ho designato a guidare il mio popolo, ecco, in verità vi dico che non saranno rimossi dal loro posto” (DeA 124:45).

Questo è lo schema del Signore. Egli chiama quindici uomini dagli “scopi ordinari della vita” e conferisce loro le chiavi e il potere per guidarci e dirigerci. Non siamo obbligati a obbedire; non c’è coercizione. Ma se prestiamo attenzione alle loro parole, se saremo reattivi e disposti a cambiare il nostro atteggiamento quando lo Spirito Santo ci conferma i loro consigli, non saremo rimossi dal nostro posto; ovvero ci terremo saldi alla verga di ferro e resteremo sempre tranquillamente sul percorso che porta all’albero della vita.

Un flusso costante di rivelazione

“Abbiamo la Bibbia, il Libro di Mormon e il libro di Dottrina e Alleanze; ma tutti questi libri, in assenza degli oracoli viventi e di un costante flusso di rivelazioni dal Signore, non basterebbero a condurre un solo uomo nel regno celeste… Questi libri hanno certamente un valore immenso; non è possibile esagerarne l’importanza, né potremo mai studiarli abbastanza; ma di per se stessi, nonostante tutta la luce che spandono su di noi, non bastano a guidare i figlioli degli uomini alla presenza di Dio. Per realizzare questo scopo c’è bisogno di un sacerdozio attivo e delle continue rivelazioni di Dio agli uomini, relative alle situazioni in cui si trovano” (presidente George Q. Cannon 1827–1901), primo consigliere della Prima Presidenza, Gospel Truth: Discourses and Writings of George Q. Cannon, a cura di Jerreld L. Newquist (1987), 252.

Che cosa hai cambiato nella tua vita grazie ai consigli che hai ricevuto dai profeti e dagli apostoli? Condividi la tua esperienza qui sotto.

Conosci meglio i profeti e gli apostoli

 

Errore nell’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

 
1000 caratteri rimanenti

Condividi la tua esperienza