Salta navigazione principale
Menu Giovani

Più che una spalla

Credi di fare solo presenza quando si tratta di insegnamento familiare? Ripensaci.

Lo hai già visto dozzine di volte nei romanzi o nei film. C’è un grande, spaventoso problema in arrivo, come una nube scura in lontananza. La tragedia sembra inevitabile. Poi arriva l’eroe che sconfigge l’impossibile e salva tutti.

Tali eroi, spesso, sono accompagnati da una spalla. Questo personaggio di solito ha alcune competenze di base, ma esiste principalmente per lanciare un’arma all’eroe quando i cattivi iniziano a circondarlo.

Come collega minore dell’insegnamento familiare potresti essere tentato di pensare di essere solo una spalla. Dopotutto, il tuo collega adulto lo fa da più tempo e ha più esperienza di te. Quindi dovrebbe essere lui a salvare la situazione, giusto?

Non proprio.

Quando si tratta di insegnamento familiare, non c’è un supereroe (il collega maggiore) e una spalla (tu) — solo due supereroi che insieme possono veramente cambiare il mondo.

Non importa chi sei e cosa hai fatto in passato: tu possiedi ciò che serve per fare una grande differenza nella vita di coloro ai quali fate visita.

Non c’è chiamata più grande

Il presidente Ezra Taft Benson (1899–1994) disse: “Nella Chiesa non c’è chiamata più grande di quella dell’insegnante familiare”.

Gli insegnanti familiari fanno molto di più che portare un messaggio spirituale. Aiutano ogni famiglia a sapere che ha degli amici su cui può contare.

“Un amico fa qualcosa di più della visita mensile richiesta. […] Un amico si interessa. Un amico ama. Un amico ascolta. E un amico aiuta” — Presidente Thomas S. Monson

Il presidente Thomas S. Monson ha detto: “Un amico fa qualcosa di più della visita mensile richiesta. […] Un amico si interessa. Un amico ama. Un amico ascolta. E un amico aiuta”.

Naturalmente, si può creare una grande amicizia a qualsiasi età.

Servire come amico

Sean C., di sedici anni, del sud dello Utah, USA, sa essere un amico, oltre che un insegnante familiare. Sean si interessa di molte cose, compreso le competizioni di rodeo, il wrestling, il lavoro con il bestiame e la riparazione delle automobili. Gli piace anche diventare amico delle persone a cui fa insegnamento familiare.

“Mi piace parlare con la gente e vedere che cosa posso fare per aiutarla”, dice Sean.

Il suo collega di insegnamento familiare è il vescovo del rione. In una famiglia a cui fanno visita, la moglie è un membro della Chiesa e il marito no. Sean ha fatto amicizia con il marito, Floyd, già la prima volta. Quando Floyd iniziò a parlare della sua Jeep, Sean rizzò le orecchie. “Abbiamo subito stretto un forte rapporto”, dice Sean.

Nell’anno in cui Sean e il vescovo hanno fatto visita a Floyd e a sua moglie, Sean ha rafforzato l’amicizia, anche aiutando Floyd a lavorare ai motori, di tanto in tanto.

Uno dei versetti favoriti di Sean parla del servizio: “Quando siete al servizio dei vostri simili, voi non siete che al servizio del vostro Dio” (Mosia 2:17).

Sean spiega: “Tutti devono guardarsi attorno per trovare modi in cui servire”.

I tuoi doni spirituali

Tutti abbiamo dei doni e dei talenti spirituali. Inoltre, abbiamo interessi e hobby personali. Ognuno di noi ha qualcosa di speciale da offrire che nessun altro riesce a fare nello stesso modo.

“Ogni persona è diversa e ha un contributo diverso da dare”, insegna il presidente Henry B. Eyring, primo consigliere della Prima Presidenza. “Nessuno è destinato a fallire”. L’insegnamento familiare può essere la tua opportunità per utilizzare questi doni a beneficio del prossimo.

Trova suggerimenti su come puoi fare la differenza per le famiglie a cui insegni.

Per esempio, quando è il tuo turno di portare il messaggio spirituale, potresti pregare prima su che cosa puoi dire che sarà di maggior aiuto per le persone a cui fai visita.

Spesso ti capiterà un’esperienza personale riguardo a un determinato argomento di cui puoi parlare con la famiglia. Lascia splendere la tua luce! Condividi ciò che sai.

Puoi anche trovare modi creativi e utili per rendere servizio alle famiglie che visitate. Per esempio, se qualcuno in una delle famiglie a cui fai l’insegnamento familiare vuole imparare a suonare la chitarra e tu la suoni da anni, a volte potresti dare qualche consiglio musicale, che può essere tanto utile quanto spalare la neve dal vialetto oppure aiutare a potare gli alberi.

Quando si tratta di insegnamento familiare, il collega maggiore può effettivamente essere una forza spirituale. Ma fai attenzione: tu sei un figlio di Dio e sei all’altezza delle tue responsabilità di insegnante familiare.

Puoi sempre contribuire con qualcosa di incredibile.

Unitevi alla conversazione

Per tutto il mese di dicembre, le lezioni domenicali si concentreranno sull’edificare il regno di Dio. L’insegnamento familiare è un modo per farlo, ma tutti possono edificare il regno di Dio con atti di servizio quotidiani. Quando pregate per il prossimo, lo Spirito può portare alla mente qualcosa che potete fare per loro. Ricordate questo consiglio di sorella Linda K. Burton, presidentessa generale della Società di Soccorso: “Prima osservate, poi servite”. Come avete trovato il modo di osservare e poi di servire nell’edificare il regno di Dio?

Parlate delle vostre esperienze nel vostro rione, con la famiglia, con gli altri giovani o cliccando Condividi la tua esperienza sotto.

Errore sull’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

 
1000 caratteri rimanenti