New Experience
    Menu Giovani

    La mia esperienza con la Conferenza – Un nuovo profeta

    Jess Verzello

    Giovani da tutto il mondo rendono testimonianza di ciò che hanno imparato durante la conferenza generale di aprile 2018.

    Wow! Che conferenza straordinaria! In così tanti ci hanno inviato i propri appunti, le proprie testimonianze e i propri pensieri di ciò che hanno imparato dalla scorsa Conferenza generale che non siamo riusciti a inserirli tutti nella rivista New Era. Non preoccuparti! Ecco a cosa serve Internet! Nei prossimi mesi pubblicheremo proprio qui le esperienze della Conferenza ricevute. Speriamo che tu ti senta ispirato a ripassare le cose che hai sentito e che hai annotato, mentre ti prepari per la prossima Conferenza generale.

    Finalmente ho capito

    Questa Conferenza generale è stata molto speciale per me. È stata la prima volta in assoluto in cui ho sostenuto un nuovo profeta. Dopo la morte del presidente Monson non avevo ancora compreso appieno che il presidente Nelson era davvero il nuovo profeta. Dopo questa Conferenza generale, finalmente mi sono resa conto che il presidente Nelson è il profeta. Mi è piaciuto tantissimo quando tutti lo hanno sostenuto. È stato straordinario vedere così tante mani alzate per sostenere il nostro nuovo profeta. Adesso, quando penso al profeta, penso al presidente Russell M. Nelson.
    — Zoe P., 14 anni, Arizona (USA)

    Un sentimento tranquillo ed emozionante

    Ho provato un sentimento tranquillo ed emozionante quando la Chiesa intera si è alzata in piedi per sostenere il profeta, il presidente Russell M. Nelson. Mentre il coro cantava “Se ascolti il Profeta”, lo Spirito mi ha confermato che, con questa nuova Prima Presidenza, ci sono grandi cose in serbo per la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. So che questa Chiesa è guidata da Gesù Cristo in persona, tramite i Suoi dirigenti.
    — Brianne C., 16 anni, Utah

    Alzarsi per sostenere

    Ho imparato che durante un’assemblea solenne i membri si alzano, ovunque si trovino, e sostengono il nuovo profeta. È una sensazione molto speciale quando ti alzi e sostieni il profeta e ti impegni a sostenere e a seguire lui e la guida che ci dà dopo averla ricevuta da Dio. Nonostante fossi a casa durante questo sacro evento, ho davvero sentito lo Spirito! So che il presidente Russell M. Nelson è un profeta chiamato da Dio per dirigere e guidare la Chiesa del Signore.
    — Kelby J., 15 anni, Utah

    Ho sentito lo Spirito ogni volta che parlava

    Mi è piaciuto tanto ascoltare il presidente Nelson, anche quando faceva un intervento breve. Sono molto grata per il dono di un profeta moderno che ci dà rivelazione e consigli da parte di Dio. Ho potuto sentire lo Spirito ogni volta che parlava e so che è chiamato e preparato da Dio.
    — Tenea H., 18 anni, Canada

    Non vedevo l’ora che arrivasse il mio turno

    È stata una cosa piena di purezza e potere vedere gli apostoli alzarsi in piedi e sostenere il presidente Nelson. C’era un meraviglioso senso di unità e non vedevo l’ora che arrivasse il mio turno di sostenere il profeta. Dopo la morte del presidente Monson ero preoccupata che sarei stata scettica o confusa riguardo a un cambiamento così importante, ma ho sentito soltanto pace, e lo Spirito mi ha reso testimonianza che il presidente Nelson è un profeta di Dio ed entrambi amano tantissimo ciascuno di noi.
    Bethany M., 17 anni, Idaho

    Condividi la tua esperienza

    Quali impressioni hai avuto durante la Conferenza generale? Condividi la tua esperienza qui sotto.

    Errore sull’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

     
    1000 caratteri rimanenti

    Condividi la tua esperienza