New Experience
    Menu Giovani

    La giusta quantità di “bastevolezza”

    Chakell Wardleigh Church Magazines

    Lo aveva detto: ero troppo bassa, e non sapevo ballare. Sarei mai stata brava abbastanza?

    “È un peccato che tu sia così bassa da dover stare davanti”, disse la mia insegnante. “Sei la peggiore ballerina della classe”.

    Immagina che ti venga detto di fronte all’intera classe del coro. Era stato detto con umorismo e io avevo risposto con una piccola e forzata risatina, ma in realtà ero mortificata. La mia insegnante aveva creato per noi una coreografia composta da semplici passi di danza da eseguire durante uno dei nostri brani del concerto. Sfortunatamente, sono sempre stata maldestra e quindi avevo difficoltà a fare bene i passi. Inoltre, le sue parole avevano praticamente spento la mia già minuscola fiammella di autostima. Ciò che aveva detto era vero: ero troppo bassa, e non sapevo ballare. Sarei mai stata brava abbastanza?

    Quella era solo una delle molte volte in cui non mi ero sentita “brava abbastanza”. In quei momenti mi concentro soltanto su quello che non ho o su ciò che non so fare, piuttosto che su quello che ho e su ciò che so fare. È uno degli strumenti migliori che Satana usa contro di me e contro molti altri.

    Dopo che la mia insegnante del coro mi aveva detto che ero una ballerina orribile, ero scoraggiata. Mi ero sempre messa alla prova cercando di essere brava nelle cose in cui gli altri erano eccellenti. E avevo fallito ogni volta. Non riuscivo a togliermi dalla testa il pensiero che il mio unico talento fosse quello di scaldare la panchina. Mi sentivo come se Dio si fosse dimenticato di darmi la giusta quantità di “bastevolezza”, come sembrava aver fatto con tutti gli altri (leggi “Come posso smettere di paragonarmi agli altri?”).

    Stelle

    Un giorno al Seminario abbiamo parlato delle creazioni di Dio. Il mio insegnante ci ha mostrato delle fotografie meravigliose dello spazio. Ricordo di aver contemplato con stupore tutte le galassie, le stelle e i pianeti — ciascuno di essi era unico, misterioso e bellissimo a suo modo.

    È stato quello il momento in cui mi sono resa conto di una cosa.

    Tra tutte quelle creazioni fenomenali e incredibili che aveva fatto, Dio aveva dedicato del tempo a creare me: un piccolo, comune e apparentemente insignificante essere umano che non si rendeva conto di quanto straordinario fosse in realtà. Un essere umano unicamente distinto da tutti gli altri. Un essere umano a cui era stato dato il proprio piano specifico. Un essere umano con un potenziale illimitato e un destino divino.

    Io.

    “Sebbene di fronte alla creazione infinita possiamo apparire una nullità, noi abbiamo una scintilla di fuoco eterno nel petto. Abbiamo l’incomprensibile promessa dell’Esaltazione — mondi senza fine — a nostra portata. È grande desiderio di Dio aiutarci a raggiungerla”. — Presidente Dieter F. Uchtdorf, “Siete importanti per Lui

    È stato quello il momento in cui ho creduto finalmente e completamente che “il valore delle anime è grande agli occhi di Dio” (Dottrina e Alleanze 18:10). Mi sono resa conto che Egli stravede per me e che, ai Suoi occhi, io posseggo la giusta quantità di “bastevolezza”.

    Alla fine, non ho mai imparato a ballare bene. Posso dire in tutta onestà, senza vergogna, che sono davvero una pessima ballerina. Ma va bene così! Poiché negli anni ho scoperto di avere molti talenti e molti punti di forza che non mi ero mai accorta di avere (leggi “Come scoprire i tuoi doni”). Mi sono stati rivelati col tempo, man mano che mi affidavo al Signore e avevo fede nel fatto che Egli sa che sono brava abbastanza. Sì, tutti noi ogni tanto ci scoraggiamo, ma quando facciamo un passo indietro e ci rendiamo veramente conto dell’importanza di chi siamo, dei nostri fantastici punti di forza, delle nostre abilità uniche e della mano del Signore che guida la nostra vita, siamo meglio in grado di sopportare questa vita con fede, speranza e sicurezza eccezionale.

    Errore sull’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

     
    1000 caratteri rimanenti

    Condividi la tua esperienza