New Experience
    Menu Giovani

    L’esempio di obbedienza del Salvatore

    Il Suo esempio costituisce il modello che tutti noi dobbiamo seguire.

    “Di tutte le lezioni che impariamo dalla vita del Salvatore, nessuna è più chiara e potente della lezione sull’obbedienza”, ha insegnato l’anziano Robert D. Hales del Quorum dei Dodici Apostoli alla conferenza generale di aprile 2014. L’esempio del Salvatore non ci insegna solo perché l’obbedienza al Padre Celeste è importante, ma anche come possiamo essere obbedienti. Leggendo i seguenti esempi tratti dal Suo ministero, pensa a come possono costituire una via da seguire nella tua vita.

    Dipinto del battesimo di Gesù Cristo

    1. Sebbene Gesù fosse senza peccato, si sottomise al battesimo per adempiere “ogni giustizia” (Matteo 3:13–17; vedi anche 2 Nefi 31:4–7; Giovanni 3:5).

    Dipinto di Gesù Cristo da ragazzo che insegna nel tempio

    2. All’età di 12 anni, quando Giuseppe e Maria trovarono Gesù che insegnava nel tempio, Egli “stava loro sottomesso” e obbedientemente tornò a casa con loro (vedi Luca 2:42–51).

    Illustrazione fotografica di Gesù Cristo nel Giardino di Getsemani

    3. Benché avesse chiesto che il calice potesse passare oltre da Lui, Egli si sottomise alla sofferenza nel Giardino del Getsemani (vedi Matteo 26:36–44; Luca 22:39–54).

    Illustrazione fotografica di Gesù che frequenta le funzioni della sinagoga

    4. Egli osservava il giorno del Signore e partecipava alle funzioni della sinagoga (vedi Luca 4:16–44).

    Illustrazione fotografica di Gesù Cristo legato con corde davanti a delle guardie

    5. Gesù si sottomise al giudizio degli uomini affinché l’opera e la gloria del Padre potessero realizzarsi (vedi Isaia 53:7; Matteo 26:53; Mosè 1:39).

    Illustrazione fotografica di Gesù Cristo sulla croce con altri due

    6. Portò a termine la Sua opera consentendo a uomini malvagi di crocifiggerLo (vedi Matteo 27:35; Giovanni 10:17–18; Galati 1:3–5).

    Dipinto di Cristo in mezzo a un gruppo di persone

    7. Sempre obbediente al Padre, Gesù andò nel mondo degli spiriti e organizzò l’opera missionaria (vedi 1 Pietro 3:18–20; 4:6).

    Dipinto di Gesù Cristo che dice a Satana di andarsene

    8. Gesù fu tentato da Satana, ma non cedette (vedi Matteo 4:1–11; DeA 20:22).

    Dipinto di Joseph Smith nel Bosco Sacro

    9. Egli continua a fare la volontà del Padre e a dirigere la Chiesa (vedi Joseph Smith – Storia 1:16–17; DeA 19:2, 24).

    “Nel corso del [ministero di Cristo], ‘egli soffrì le tentazioni, ma non vi prestò attenzione’ [DeA 20:22]”.

    — Anziano Robert D. Hales

    “Cerco non la mia propria volontà, ma la volontà di Colui che mi ha mandato”.

    (Giovanni 5:30; vedi anche Giovanni 6:38; 8:28–29; 14:31)

    Altro sull’obbedienza

    L’obbedienza è stato un tema principale della conferenza generale di aprile 2014. Leggi questi discorsi:

    Anziano Hales

    Perché il nostro Salvatore fu obbediente

    “In virtù della Sua obbedienza, il Salvatore espiò i nostri peccati, rendendo possibile la nostra resurrezione e preparandoci la via per tornare al nostro Padre Celeste, il Quale sapeva che avremmo commesso degli errori mentre avremmo imparato a obbedire qui sulla terra. Obbedendo, accettiamo il Suo sacrificio, poiché noi crediamo che tramite l’Espiazione di Gesù Cristo tutta l’umanità può essere salvata, mediante l’obbedienza alle leggi, alle ordinanze e ai comandamenti del Vangelo”.

    Anziano Robert D. Hales del Quorum dei Dodici Apostoli, “Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti”, Liahona, maggio 2014, 35.

    Che cosa puoi fare?

    L’anziano Hales ha detto: “Gesù ci ha insegnato a obbedire usando un linguaggio semplice, che è facile comprendere: ‘Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti’ [Giovanni 14:15] e ‘Vieni e seguitami’ [Luca 18:22]”. Che cosa farai oggi per essere più obbediente?

    Condividi la tua esperienza

    Secondo te, perché l’obbedienza è importante per Dio? Condividi la tua esperienza con altri giovani commentando qui sotto.

    Questo articolo è apparso originariamente a ottobre 2014 nella rivista New Era.

    Errore sull’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

     
    1000 caratteri rimanenti

    Condividi la tua esperienza