Salta navigazione principale
  • Stampa

Chi sono io, e chi posso diventare?

Noi siamo figli del Padre Celeste, creati a Sua immagine, col potenziale di diventare come Lui. Per disegno divino, abbiamo doni e talenti unici che ci aiuteranno a compiere il nostro dovere quali detentori del sacerdozio. Sapere chi siamo offre alla nostra vita uno scopo e ci aiuta a prendere le giuste decisioni.

Preparati spiritualmente

Prega e studia i seguenti passi scritturali e le risorse. Che cosa ti senti ispirato a condividere con i giovani?

Salmi 82:6; Atti 17:28–29; Ebrei 12:9; DeA 76:24 (Siamo figli di Dio)

Matteo 25:14–30 (La parabola dei talenti)

Luca 15:4–6, 11–32; Giovanni 3:16; DeA 18:10–15 (Il valore di un’anima è grande)

Mosè 1:4–22 (Mosè apprende di essere un figlio di Dio)

Dieter F. Uchtdorf, “Potete farlo adesso!”, Liahona, novembre 2013

Dieter F. Uchtdorf, “Quattro titoli”, Liahona, maggio 2013, 58–61

Dieter F. Uchtdorf, “Il vostro potenziale, il vostro privilegio”, Liahona, maggio 2011, 58–61; vedi anche il video “Il vostro potenziale, il vostro privilegio”

Sono un figlio di Dio”, Inni, 190

Video: “Sono un figlio di Dio”; vedi anche il DVD dei sussidi visivi dell’Antico Testamento

Video: “La nostra vera identità”

Fai dirigere i giovani uomini

Dirige la riunione del quorum un membro della presidenza del quorum, il quale guida i giovani uomini a consultarsi insieme riguardo agli affari del quorum, insegna loro i doveri del sacerdozio (dalle Scritture e dal libro Dovere verso Dio) e invita un consulente o un altro membro del quorum a tenere una lezione sul Vangelo. Può prepararsi redigendo un ordine del giorno della riunione del quorum durante la riunione di presidenza.

Dai inizio all’esperienza di apprendimento

Scegli tra queste idee o trovane delle altre per ripassare la lezione della scorsa settimana e presentare quella di questa settimana:

  • Invita un paio di giovani a spiegare qual è stata la cosa più importante che hanno imparato durante la lezione della scorsa settimana e in che modo l’hanno applicata alla loro vita.
  • Scrivi alla lavagna le seguenti domande: “Che cosa so riguardo al Padre Celeste?” “Che cosa mi insegna questo su chi sono e chi posso diventare?” “In che modo questa conoscenza influenza i miei pensieri e le mie azioni?” Concedi ai giovani il tempo di meditare su queste domande e poi invitali a venire alla lavagna e a scrivere le loro risposte.

Attività per imparare assieme

Ciascuna delle attività sotto riportate aiuterà i membri del quorum a comprendere la loro identità e il loro potenziale divini. Seguendo l’ispirazione dello Spirito, seleziona quelle che meglio si adattano al quorum:

  • Invita i giovani uomini a esaminare Mosè 1:4–7 e a individuare che cosa imparò Mosè su se stesso. Invitali ad andare al versetto 12 per scoprire che cosa fece Satana per contraddire ciò che Mosè aveva appreso. Leggete insieme i versetti 13–22. Chiedi ai giovani di esprimere che cosa imparano da questa storia su loro stessi, sul Padre Celeste e il Salvatore, e sull’avversario. Quali sono alcune situazioni incontrate dai giovani uomini in cui può essere utile tale conoscenza? Puoi pensare di mostrare il video “Sono un figlio di Dio” come parte di questa discussione.
  • Chiedi ai giovani uomini di elencare almeno quattro dei titoli che hanno o che potranno avere nel corso della loro vita. Che cosa dicono di loro questi titoli? Invitali a scegliere uno o due titoli che ritengono più importanti per loro. Dividi il quorum in quattro gruppi e incarica ciascun gruppo di leggere uno dei titoli riportati nel discorso del presidente Uchtdorf “Quattro titoli”. Chiedi a ciascun gruppo di riferire quanto segue in merito a ciò che ha letto: il titolo che gli è stato assegnato, ciò che ha imparato dal presidente Uchtdorf su quel titolo, e come si applica alla vita di ciascun componente del gruppo.
  • Invita i membri del quorum a guardare il video “La nostra vera identità” (o a leggere alcuni dei seguenti passi scritturali: 1 Giovanni 3:1–3; DeA 84:37–38; 88:107; 132:20) e a scrivere una dichiarazione che considerano significativa. Invitali a leggere ciò che hanno scritto e a spiegarne il motivo. Che cosa hanno appreso da questo video o da questi versetti riguardo a chi sono e a chi possono diventare? Come può questa conoscenza influire sulle scelte che fanno? Come parte di questa discussione puoi pensare di condividere la seguente dichiarazione del presidente Gordon B. Hinckley: “L’intero disegno del Vangelo ha lo scopo di spingerci in avanti e in alto verso più grandi conseguimenti, e alla fine verso la divinità” (“Non lasciate cadere la palla”, La Stella, gennaio 1995, 54).
  • Leggete insieme la storia dell’uomo in crociera, contenuta nel discorso del presidente Dieter F. Uchtdorf “Il vostro potenziale, il vostro privilegio”, oppure guardate il video che ne parla. Chiedi ai giovani in che modo questa storia si riferisce a noi come detentori del sacerdozio. In che modo si riferisce a noi come figli di Dio? Incarica ciascun giovane uomo di leggere uno dei tre suggerimenti dati dal presidente Uchtdorf per vivere all’altezza del nostro potenziale. Organizzate il quorum in gruppi che includano ragazzi che hanno letto diverse sezioni del discorso e chiedete loro di condividere ciò che hanno appreso in merito al vivere all’altezza del loro potenziale.
  • Scrivi alla lavagna le seguenti domande: “Chi sono io?” “Chi posso diventare?” Assegna a ogni giovane uomo una sezione del discorso del presidente Dieter F. Uchtdorf “Potete farlo adesso!” con l’invito a riflettere su queste domande man mano che la legge e a scrivere le impressioni che gli giungono riguardo a chi è e a chi può diventare. Chiedi ai giovani uomini di condividere con gli altri ciò che hanno scritto.

Chiedi ai giovani uomini di condividere ciò che hanno imparato oggi. Quali sentimenti o impressioni hanno avuto? Comprendono chi sono e chi possono diventare? Hanno ulteriori domande? Sarebbe utile dedicare altro tempo a questo argomento?

Invito ad agire

Conclude la riunione il membro della presidenza del quorum che dirige, il quale potrebbe:

  • rendere testimonianza che siamo figli di Dio e descrivere come tale testimonianza guidi le sue azioni.
  • Invitare i giovani uomini a pensare a un modo in cui useranno i loro doni e talenti per essere una benedizione per i figli del Padre Celeste.