Salta navigazione principale
Menu Giovani

Sacerdozio di Aaronne: un’opportunità per servire

I giovani uomini che comprendono che il sacerdozio è un’opportunità per servire possono fare una grande differenza nella vita degli altri.

Guarda il video qui sopra e leggi la storia di due diaconi qui sotto. Poi decidi in che modo tu o il tuo quorum potete rendere servizio a qualcuno.

Il lavoro missionario in Brasile

Alessandro E., un presidente del quorum dei diaconi da poco chiamato, voleva aumentare il numero dei membri del suo quorum. Ha cercato di riattivare alcuni dei diaconi, ma senza molto successo. Ha provato a condividere il Vangelo con i suoi amici a scuola, ma anche qui senza successo.

Alessandro, quindi, ha chiesto consiglio a sua madre. “Ha detto che avrei dovuto digiunare e pregare”, spiega. Così ha fatto, tanto da sentirsi spinto dallo Spirito Santo a ritornare da uno dei suoi amici di scuola. “Questa volta”, dice Alessandro, “ha accettato di venire alla riunione sacramentale”.

I missionari hanno cominciato a insegnare all’amico, il quale presto si è battezzato assieme al fratello e due cugini. Poco dopo, anche i genitori dell’amico si sono battezzati.

“Quando si comprende il sacerdozio, se ne onora il potere e lo si usa appropriatamente e si esercita la fede, si vedono accadere miracoli ovunque”, ha detto il presidente Thomas S. Monson alla conferenza generale di aprile 2012.

Quello è stato un giorno felice per molte persone, compreso Alessandro. Come presidente del quorum dei diaconi, aveva portato nuovi membri nel quorum e nel rione. Aveva imparato che i buoni dirigenti cercano il consiglio di coloro di cui hanno fiducia, che il Padre Celeste risponde alle preghiere e che è importante seguire i suggerimenti dello Spirito.

Riportare indietro i membri del quorum

Ben prima dell’inizio della riunione sacramentale, il presidente era già lì. Lo è sempre. Ora, prima che si pensi che stiamo parlando di un presidente di palo, distretto o ramo, chiariamo. Cornell F. è un presidente del quorum dei diaconi.

Ogni domenica onora la sua chiamata. Questa particolare domenica è la conferenza di rione e Cornell è qui presto a mettere gli innari sulle sedie dove si siederanno i diaconi. Vuole che il suo quorum tragga beneficio dalla musica sacra che dovrebbe essere una parte significativa del culto.

Un’altra domenica, è lieto di riferire che tutti i diaconi del suo rione sono presenti, i sei che sono attivi e i tre che non frequentano regolarmente, ma che si sta cercando di integrare.

“Ogni domenica”, dice, “do incarico ai diaconi di chiamare o visitare i membri meno attivi del quorum o amici che si stanno interessando alla Chiesa”. Fa notare anche che “ogni martedì sera, prima delle nostre attività per i giovani, invitiamo tutti i diaconi a venire”.

Alla conferenza di rione, i diaconi prestano speciale attenzione ai messaggi edificanti del presidente di palo e del vescovo. Poi, dopo la riunione, “i diaconi si fermano per assicurarsi che la cappella sia pulita e in ordine”, dice Cornell. Si occupano pure del resto della casa di riunione. “Portiamo fuori i cestini dell’immondizia e a volte aiutiamo a ripulire il nido”, spiega.

“Siamo diaconi che si danno da fare”, dice, “e ogni diacono svolge un ruolo importante per il nostro successo”.

Ulteriori risorse

Approfondisci la tua conoscenza dei delle presidenze di quorum.

Leggi altro su “Deacons in Action” (Diaconi in azione) nella New Era di giugno 2013.

Errore sull’invio del modulo. Assicurati che tutti i campi siano compilati in modo corretto e riprova.

 
1000 caratteri rimanenti