Per la forza della gioventù: un’ancora nel mondo di oggi


David L. Beck
Elaine S. Dalton

La Prima Presidenza ha scritto che le norme di Per la forza della gioventù “vi aiuteranno nelle scelte che state compiendo ora e che continuerete a prendere nel futuro”.1 Con il rilascio della nuova edizione, le riviste della Chiesa sono riuscite a trascorrere alcuni attimi con la presidentessa delle Giovani Donne, Elaine S. Dalton, e il presidente dei Giovani Uomini, David L. Beck, a parlare della versione riveduta dell’opuscolo.

Per la forza della gioventù: un’ancora nel mondo di oggi

Una nuova edizione di Per la forza della gioventù: perché adesso?

Fratello Beck: Le norme del Signore non sono cambiate, ma gli attacchi dell’avversario contro queste norme sono diventati più frequenti e intensi. Per la forza della gioventù è stato aggiornato per aiutare i giovani a opporsi a questi attacchi.

Sorella Dalton: I profeti continuano a parlare ai giovani in modo molto chiaro e noi vogliamo che siano disponibili le loro parole attuali. I giovani hanno bisogno di essere irremovibili nel seguire il profeta, pertanto in quest’opuscolo sono stati inclusi gli insegnamenti recenti.

Fratello Beck: Come ci ha ricordato il presidente Thomas S. Monson, i giovani di oggi stanno crescendo in un’epoca in cui il divario tra le norme del Signore e quelle del mondo si sta allargando.2 Le tentazioni stanno diventando più forti e il comportamento peccaminoso sta diventando sempre più socialmente accettabile. L’ispirato consiglio in quest’opuscolo è un segno dell’amore del Padre Celeste per i giovani. Egli vuole che ognuno di loro riceva le benedizioni che scaturiscono dal vivere il Vangelo e ha dato loro delle norme per aiutarli. Ora ha un’opera importante da far compiere loro. Le norme in Per la forza della gioventù li aiutano a qualificarsi per adempiere la Sua opera.

Che cosa è stato aggiornato in questa edizione?

Sorella Dalton: È stata aggiunta la sezione “Lavoro e autosufficienza”. Molti giovani trascorrono troppo tempo usando le nuove tecnologie — social network, Internet, video giochi — e non imparano mai sul serio a lavorare. Questo è fonte di preoccupazione perché quando un giovane individuo parte per la missione, a volte non è preparato al rigore del duro lavoro fisico e spirituale. Un tale argomento va di pari passo con un’altra sezione nuova: “Salute fisica ed emotiva”. Occorre essere fisicamente sani e prendersi cura del proprio corpo, ma occorre anche prestare attenzione alla propria salute emotiva.

Fratello Beck: Inoltre, è stata data nuova enfasi all’importanza di seguire lo Spirito e vivere in modo degno di andare al tempio.

In che modo i giovani possono far diventare Per la forza della gioventù una parte della loro vita?

Sorella Dalton: Vorrei che essi cercassero le benedizioni menzionate nell’opuscolo e pensassero a come tali benedizioni li guideranno verso le loro mete. Credo davvero che questa generazione stia preparando la terra per la Seconda Venuta del Salvatore. Vorrei spronare i giovani a mantenere vivo il desiderio di poter stare con sicurezza in Sua presenza quando Egli tornerà.

Fratello Beck: Anche gli opuscoli Adempiere il mio dovere verso Dio e Progresso personale delle Giovani Donne offrono molte buone idee. Per esempio, nella sezione “Vivi in modo degno” di Dovere verso Dio, i giovani uomini sono invitati a studiare le norme in Per la forza della gioventù, a fare un piano per metterle in pratica e poi a condividere le loro esperienze con gli altri. Facendo questo, rafforzano non solo la loro testimonianza, ma anche quella degli altri.

Sorella Dalton: Un altro esercizio interessante per i giovani sarebbe di leggere Per la forza della gioventù sottolineando tutti i riferimenti allo Spirito. Vivere queste norme permetterà loro di avere la compagnia costante dello Spirito Santo. E nel momento in cui i giovani dovranno prendere decisioni critiche nella loro vita, avranno bisogno di tale compagnia.

Fratello Beck: Vedo inoltre l’opuscolo come una grande risorsa per condividere il Vangelo; possiamo usarlo per aiutare i nostri amici a capire perché viviamo in un certo modo. I giovani potrebbero anche utilizzarlo per preparare le lezioni per la serata familiare, i discorsi per la riunione sacramentale, o le lezioni per le classi della Chiesa — o semplicemente per trovare le risposte alle domande sulle norme del Signore. Man mano che i giovani fanno queste cose, le dottrine e i principi in Per la forza della gioventù penetreranno nel loro cuore e diventeranno parte di chi sono.

Che cosa direste a chi pensa che sia difficile osservare queste norme nel mondo di oggi?

Sorella Dalton: Direi: “Hai ragione: è difficile”. Ma gli ricorderei che è molto più difficile quando non si osservano le norme. Il peccato complica la nostra vita e ci porta ad avere a che fare con cose non volute. Direi che vivere le norme in Per la forza della gioventù è la chiave per la felicità e tutti vogliono essere felici.

Fratello Beck: Nulla di quel che può offrire questo mondo può essere paragonato all’influenza rassicurante dello Spirito Santo; alla soddisfazione di sapere che il Padre Celeste è soddisfatto di voi, o al potere delle alleanze del tempio. Queste sono le benedizioni promesse a chi obbedisce alle norme del Signore.

Sorella Dalton: Troppe giovani donne dicono: “Ho fatto una cosa brutta, quindi non posso più venire in chiesa”. Poi iniziano a comportarsi sempre peggio. Ma io direi loro: “Potete pentirvi. Potete cambiare e potete farlo ora. Questo è il giorno. Questo è il vostro momento”.

Che consiglio dareste a quei giovani che non hanno molto sostegno a casa nel mettere in pratica queste norme?

Fratello Beck: Credo che il Signore ponga ciascuno di noi dove possiamo fare il massimo con i doni spirituali che Egli ci ha dato. Se la famiglia non condivide il vostro stesso impegno a vivere le norme del Signore, non arrendetevi. Continuate a vivere nel modo che sapete essere giusto, perché non si sa mai chi in famiglia potrebbe osservarvi e trarre personalmente forza dal vostro esempio.

Sorella Dalton: Inoltre, ricordate sempre chi voi siete. Voi siete stati serbati per essere sulla terra in questo momento perché avete una forte testimonianza del Salvatore. L’avete dimostrato nell’esistenza preterrena. Come menzionato dal fratello Beck, la vostra decisione di vivere le norme potrebbe alla fine benedire la vostra famiglia. Non scendete a compromessi. Non arrendetevi. Vivendo queste norme, possiamo essere una luce. Possiamo riflettere la luce del Salvatore.

Quali benedizioni otterranno i giovani quando vivono queste norme?

Fratello Beck: Il Signore ha promesso molte benedizioni meravigliose a chi rimarrà fedele ai principi che Egli ha stabilito. Alcune sono immediate: la compagnia dello Spirito Santo, la pace di coscienza, e fede e fiducia maggiori. Ogni volta che obbediamo a un comandamento, la nostra capacità di obbedire aumenta.

Sorella Dalton: Il mondo dice: “Provate tutto. Ora che siete giovani, potete sperimentare”. Ciò che succede quando seguite un tale messaggio è come un imbuto che in cima è largo ma che alla fine diventa piuttosto stretto. Il vostro libero arbitrio viene limitato da queste decisioni. La sperimentazione porta alla dipendenza. Un attimo di eccitazione può portare a gravidanze fuori dal matrimonio o a un cambiamento nei vostri piani di vita. Ma se percorrerete la stretta via — capovolgete l’imbuto — e obbedite alle norme del Signore, il mondo intero sarà a vostra disposizione e continuerà ad ampliarsi quando osservate i comandamenti. Invece di essere legati dai vostri errori, avete la libertà di vivere il genere di vita che vi renderà felici.

Fratello Beck: Il mondo ha bisogno di giovani che comprendono il valore di queste benedizioni e come comportarsi per ottenerle. Ci sono molti dei vostri amici e dei vostri coetanei che stanno cercando un’alternativa alle vie del mondo, che vogliono dei veri principi su cui costruire la loro vita. Tutto ciò di cui hanno bisogno è il vostro esempio e la vostra testimonianza.

Vorreste condividere qualcos’altro con i giovani?

Sorella Dalton: Il messaggio che vorrei dare ai giovani è che il pentimento non è una cosa negativa: è una benedizione. Il Salvatore ci ha offerto la possibilità di pentirci. Non aspettate. Possiamo cambiare e questo ci aiuterà a vivere le norme. Un giovane uomo o una giovane donna virtuosi, guidati dallo Spirito, possono cambiare il mondo. Voi potete essere quel giovane uomo o quella giovane donna.

Fratello Beck: Vi vogliamo bene e gioiamo della vostra bontà. È entusiasmante ed è fonte d’ispirazione per noi essere testimoni della vostra fedeltà. Se vi sentite soli, ricordate che ci sono migliaia di giovani come voi in tutto il mondo che si sono impegnati a osservare le norme del Signore. Ricordate inoltre che lo Spirito Santo può essere un vostro compagno costante. Vivete in modo da essere degni della Sua presenza, seguite i Suoi suggerimenti e permetteteGli di confortarvi quando ne avete bisogno. Il Padre Celeste vi ama e si fida di voi. Egli ha grandi cose in serbo per voi.

Come posso spiegare ai miei amici i motivi per cui le nostre norme non sono restrittive?

Puoi usare l’analogia dell’imbuto menzionata dalla sorella Dalton. Provare le cose suggerite dal mondo limiterà il vostro futuro a causa delle conseguenze negative. Noi capovolgiamo l’imbuto: seguire le norme e i comandamenti ci aprirà la strada a molte opportunità ora e nel futuro.

Le norme ci aiutano a:

  • Avere la compagnia dello Spirito Santo, soprattutto quando si devono prendere decisioni importanti.

  • Godere della felicità e della libertà invece che dover sopportare le conseguenze della dipendenza o del peccato.

  • Essere degni delle benedizioni del tempio e della vita eterna, che è il nostro obiettivo supremo.

Mostra riferimenti

    Note

  1.   1.

    Per la forza della gioventù (2011), II.

  2.   2.

    Thomas S. Monson, “Osate stare soli”, Liahona, novembre 2011, 60.